Visualizzazione post con etichetta retrogaming. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta retrogaming. Mostra tutti i post

sabato 23 novembre 2019

domenica 3 novembre 2019

TuttinFiera Padova 2019

Oggi reportage da Tuttinfiera, la fiera delle passioni, che è in corso di svolgimento a Padova. Vedremo più che altro i settori che interessano di più a noi nerd.

sabato 22 giugno 2019

PlayStation Mini

Antefatto. All'epoca dell'uscita della riedizione in versione "mini" della mitica Playstation 1, con il prezzo di lancio di circa 90 euro, giudicai il prezzo troppo elevato per una cosa con cui avrei giochicchiato un po' e poi avrebbe fatto compagnia "nella polvere" al NES mini e allo SNES mini che possiedo già. Qualche giorno fa mi scrive l'amico "Kirone" segnalandomi di aver visto la "Playstation mini" in offerta al MediaWorld a soli 29.90, al che ho iniziato a farci un pensierino... Stamani sono passato davanti ad un negozietto simil GameStop che l'esponeva in vetrina al prezzo ribassato (probabilmente è stata ribassata dappertutto, a differenza di quelle Nintendo), ed eccola acquisita! Vediamo velocemente com'è....

lunedì 3 giugno 2019

Fiera campionaria di Padova 2019

E' in corso di svolgimento la storica Fiera Campionaria di Padova, quest'anno giunta alla CENTESIMA edizione! Stasera ne abbiamo approfittato per fare un giro (l'ingresso è gratuito). Vediamo qualche foto dal padiglione che interessa a noi nerd, il numero 15, dedicato a fumetti e giochi vari.

domenica 26 maggio 2019

RetroAcademy: Ritorno alle origini

Stasera sono reduce dalla nuova edizione del RetroAcademy, manifestazione in quel di Papozze (RO) che è ritornata dopo diversi anni. Una mostra-mercatino di retrocomputer, retroconsole, vecchi giocattoli, eccetera.

domenica 19 maggio 2019

sabato 3 marzo 2018

sabato 24 febbraio 2018

Polesine Nerd 2018


Sono reduce dal Polesine Nerd, un nuovo evento organizzato dagli amici dell'associazione Retroacademy, dalla fumetteria Delta Comics e da altri e ospitato all'interno della fiera dell'elettronica di Rovigo. L'evento proseguirà anche domani, ma stasera su queste pagine scatta già l'ora del reportage. Questa volta mi ha accompagnato l'amico Filippo detto "Kirone", un vecchio appassionato di retrocomputing!

lunedì 20 novembre 2017

GameCom Pordenone 2017 (più GIVEAWAY!)

Dopo quello di ieri, oggi abbiamo un altro corposo reportage fotografico direttamente dal GameCom di Pordenone che ho visitato sabato mattina. Si svolgeva come l'anno scorso in contemporanea alla storica fiera dell'elettronica, ma quest'anno ho preferito concentrarmi al solo GameCom.

domenica 19 novembre 2017

Quelli che...i videogiochi 2017

Venerdì mattina ho fatto una veloce toccata e fuga alla bellissima manifestazione "Quelli che i...videogiochi" che si è svolta questo weekend a Pastrengo, in provincia di Verona. Ho comunque avuto tempo per fare una montagna di foto, ed eccoci quindi col consueto reportage fotografico!

venerdì 15 settembre 2017

Le nerd-interviste: 39) Antonio Nati

Oggi riprendono le nerd-interviste e parliamo di cabinati con Antonio Nati di Arcade Story, incontrato al Future Vintage Festival lo scorso week-end!

venerdì 8 settembre 2017

Future Vintage Festival 2017 - prima giornata

Un piccolo reportage fotografico dalla mia prima giornata al Future Vintage Festival, il festival sul passato e sul futuro, che si sta svolgendo al Centro Culturale Altinate a Padova. In apertura una bella foto panoramica del mercatino vintage.

venerdì 19 maggio 2017

Le nerd interviste: 27) Alessandro "Doc Manhattan" Apreda


Stasera per la serie delle nerd interviste abbiamo un giornalista, scrittore, sceneggiatore di fumetti e creatore di un seguitissimo blog punto di riferimento per tutti noi nerd, che ho avuto la fortuna di incontrare domenica al A Bit of [hi]story: Alessandro "Doc Manhattan" Apreda!

Ciao Alessandro e grazie per questa intervista, come nasce il nerd che è dentro al Dr. Manhattan, ritieni di essere sempre stato nerd? 

Penso di si, quando sei ragazzino in realtà ti piacciono le cose che piacciono a tutti gli altri ragazzini, quando inizi a crescere e ti affezioni ai fumetti, ai videogiochi e magari molte altre persone non seguono più quegli interessi ti rendi conto di esser nerd. O almeno per i nerd della mia generazione, adesso è un pò più difficile perché ad esempio i videogiochi sono molto più mainstream, sono molto più diffusi, però nei fine anni ’80 primi anni ’90 se continuavi a giocare con i videogiochi e a leggere i fumetti dei supereroi o i primi manga che sono arrivati in Italia, ne avevi la tessera, un passaporto da Nerd automaticamente!

- Qual’è stato il tuo primo lavoro?

                                                                                                                                                                  Quello che faccio anche adesso, il giornalista! Ho iniziato a scrivere di videogiochi alla fine degli anni ’90 per varie riviste, poi ho lavorato in realtà anche su riviste non di videogiochi, adesso collaboro con dei siti importanti internazionali però mi occupo sempre di quello, di videogiochi, di tecnologia, quindi sostanzialmente ho fatto un solo lavoro in vita mia!

- E fai quello che ti piace..


Si, ho avuto sempre la grande fortuna di trovarlo subito nel periodo anche in cui era anche più facile rispetto ad adesso, e ho avuto questa fortuna che continua anche oggi, speriamo continui ancora a lungo di fare comunque un lavoro che mi piace e mi diverte molto!

- Una cosa che sento dire spesso è: se vuoi lavorare nell’ambito nerd devi trasferirti a Roma o Milano, invece tu sei sempre riuscito a restare nella tua realtà locale..


Si, quando ero ragazzino sognavo di scrivere per le riviste di videogiochi, Zzap!, The Games Machine, Consolemania, eccetera. Non era possibile perché dovevi effettivamente vivere a Milano, perché ti consegnavano fisicamente i giochi, andavi lì a battere il pezzo in redazione, eccetera. Conosco persone che da Cosenza o comunque dal sud si sono trasferite a Milano per lavorare per Xenia (la casa editrice di Zzap! ndr) all’epoca. Però ho avuto la fortuna che fine anni ’90 con l’avvento di internet si è aperta la collaborazione sulle riviste di questo tipo anche a chi abitava in tutto in resto dello stivale. Quindi ho iniziato a lavorare per Super Console, per riviste, come Chip, di informatica, perché semplicemente bastava una banale connessione a 56K a casa e un pò di fantasia, ti mettevi lì, scrivevi i pezzi, li facevi girare..Ripeto c’erano molte più realtà rispetto ad oggi a cui proporre i tuoi pezzi, quindi era più semplice. Internet ha davvero permesso a chiunque..

- Internet di contro poi ha fatto chiudere molte realtà..


Si, poi in un secondo momento il rovescio della medaglia è stato questo: chiaramente con la diffusione sempre più massiva di internet quel tipo di informazioni, recensioni, le guide, eccetera, si trovavano su internet più fresche, con aggiornamenti più frequenti e gratis soprattutto, e questo si è mangiato un pò alla volta il mercato delle riviste di videogiochi. Però è anche l’evoluzione del mezzo: alla fine i contenuti sono gli stessi, si è evoluto il mezzo attraverso cui vengono proposti, oggi sono i siti di videogiochi anzichè le riviste di videogiochi, che sono rimaste ormai molto poche, però sostanzialmente poi i contenuti quelli.


- Ma il primo videogioco a cui hai giocato?

Me lo ricordo perché ho scritto un post sul blog anni fa, è stato credo Phoenix in un bar al mare, perché, per i più vecchietti come noi, prima dell’avvento delle sale giochi c’erano i bar e le pizzerie che avevano i cassoni, all’esterno d’estate, oppure all’interno d’inverno..

- 50 lire ?

No, erano già 100! Però soprattutto andavano forti i punti telefonici, al mare, c’erano le cabine del telefono e c’erano i videogiochi, quindi c’era questa popolazione mista formata da settantenni che telefonavano a casa, gente che fumava e gente che smadonnava per seguire i cassoni.. E il primo a cui ho giocato credo sia stato Phoenix, che era uno sparatutto, alla Space Invaders..

- E il primo fumetto invece? Topolino?

Credo sicuramente qualche fumetto western che mio padre portava a casa. Ho iniziato a sfogliare i fumetti, a consumarli, ancora prima di leggere. Mi leggevo Topolino, non sapevo leggere, quando non trovavo qualcuno che me lo leggesse in casa mi inventavo le storie, cioè mi immaginavo cosa si potessero dire in quelle nuvolette piene di quel linguaggio strano che non capivo ancora, non sapendo leggere. Però sicuramente il western, e sin da piccolissimo fumetti di supereroi, mi facevo comprare le buste sorpresa perché all’interno c’erano i vecchi numeri dell’Uomo Ragno Gigante, I Fantastici 4 Gigante, Thor e i Vendicatori, perché adoravo le storie dei supereroi. Quindi le leggevo in differita di diversi anni.

- Quelli che avevano colpito anche Leo Ortolani..

Esatto, i Fantastici 4 formato Gigante!

- Da cui Rat-Man Gigante.. Progetti futuri?

Progetti futuri: tante cose, di un paio non posso parlare. C’è un fumetto che è in cantiere a cui tengo molto spero possa vedere la luce molto presto, c’è Radium l’etichetta digitale anche mia che proporrà altre novità, insomma cose nel pentolone tante, speriamo di arrivare a fine cottura.

 
- In pratica avete questa etichetta digitale e proponete i fumetti con il meccanismo del crowdfunding..

Proponiamo dei fumetti, con il meccanismo del crowdfunding li produciamo e poi vengono stampati da Saldapress. Abbiamo fatto finora quattro volumi di tre fumetti diversi, perchè di Quebrada ne abbiamo fatti due, e adesso il prossimo: partirà fra pochi giorni una campagna di un fumetto scritto da Casty, che è un autore Disney, disegnato da Ryan Lovelock, che non è un nome d’arte di un porno-divo come potrebbe sembrare, ma è un disegnatore di fumetti super-ingamba. Penso che nel corso della prossima settimana finalmente potremo lanciare la campagna. E’ una bomba, è davvero una bomba! Non vedo l’ora che esca, lo sto dicendo da un pò, però ci stiamo lavorando e ormai ci siamo.

- Avete vinto anche dei premi, vero?

Rim City, che è quello che ho scritto io, ha vinto un premo l’anno scorso al Romics, abbiamo avuto altre nomination, tipo al Boscarato per la colorazione di un altro volume. Siamo negli inizi proprio, il feedback è buono, i lettori in media son contenti..

- Come ti è venuta l’idea anche di produrre i fumetti?

E’ venuta perché in realtà con Matteo Casali, che è mio partner e complice in questa impresa, stavamo discutendo da anni l’idea di fare delle nuove storie di Quebrada, perché io sono un appassionato di questo fumetto che esisteva già da diversi anni che lui aveva lanciato con una sua produzione indipendente molti anni fa assieme a Giuseppe Camuncoli e tanti altri artisti. Quindi l’idea era di fare nuove storie di Quebrada, poi siamo partiti da lì e l’idea si è allargata poi a produrre fumetti scritti inizialmente da noi e adesso aperti alla collaborazione anche con autori importanti come Casty, come Joe R. Lansdale che è un romanziere americano molto famoso, come Wu Ming, collettivo di autori di romanzi, insomma abbiamo in cantiere grandi belle cose anche con nomi internazionali importanti. L’obbiettivo rimane sempre lo stesso: di base, di fare dei fumetti che costino il meno possibile per i lettori, però abbiano un compenso professionale per tutti quelli che partecipano, che è una cosa che il crowdfunding ti permette di fare. Se il progetto lo presenti bene, il progetto va in porto, si crea un circolo virtuoso.

 Grazie ad Alessandro per l'intervista!

Se avete gradito questa e le altre nerd-interviste, vi chiedo se vi va di seguire questo blog cliccando il pulsante in alto a destra, grazie ! 

sabato 25 febbraio 2017

Mantova Comics & Games 2017

Il nostro piccolo reportage da Mantova Comics & Games di quest'anno!

Io e un genio malvagio

A Mantova siamo arrivati venerdì mattina,  e con grande piacere ci siamo imbattuti in un mito della nostra infanzia..
..la mitica De Lorean di Ritorno al futuro, che sembrava appena emersa da uno dei suoi viaggi temporali!
Dopo le foto di rito,  è iniziato davvero il nostro giro della fiera, che si svolgeva come di consueto al Palabam, un palazzetto dello sport ampio e spazioso, solo un poco freddino!
Nel nostro vagabondare abbiamo avuto la fortuna di incontare diversi autori e colto l'occasione per realizzare qualche intervista che pubblicheremo nelle prossime settimane.

Gli autori del libro Dershing, gli ultimi draghi: Rita Micozzi (illustrazioni) e Davide Cencini (storia). (Davide sappi che mia moglie è giunta alle ultime pagine del libro, lo ha divorato!)

Qui Rita rende unica la copia acquistata da mia moglie!

In questa foto invece mi vedete con i creatori della serie Rats: Alessandro Giampaoletti (disegni) e Gabriele Luzi (sceneggiatura).

E il consueto giro di sketch e firme!

Per la serie: cose curiose, questa enorme action figure di Bruce Willis alias Hartigan dal film Sin City, che veniva via veramente a pochi euri..probabilmente la povera figura continua a ripetere "NON PRENDEEE" e "PALMIRAAA!!!" all'infinito...

E infine abbiamo incontrato lui, il grande Davide La Rosa, autore del Dizionario dei film brutti a fumetti, di Ugo Foscolo : Indagatore dell'incubo, di Leopardi e Ranieri True Veri Detective, eccetera eccetera..abbiamo fatto una chiaccheratona che verrà riportata come intervista qui nel blog..

..ed eccolo alle prese con le dediche per noi, una più assurda dell'altra!

Infine l'angolo del retrogaming, con questi 2 bei pannelli..

.. poi uno svariato numero di console d'epoca sulle quali si poteva giocare liberamente..

.. e questo enorme Pad Nintendo per giocare ad un'altrettanto enorme partita di Super Mario Bros!!!

 Passiamo agli acquisti: Tokyo - La guida nerd di Alessandro "DocManhattan" Apreda, Dershing - Gli ultimi draghi di Cencini e Micozzi, Dampyr numero 0 di autori vari e Rats 1 e 2 di Giampaoletti e Luzi!

Per quanto riguardo Davide La Rosa ecco Il nuovo romanzo di Dan Braun, La bibbia 2, Leopardi e Ranieri True Veri Detective e Ugo Foscolo Indagatore dell'incubo (questi ultimi 2 con le copertine variant numerate!)

Naturalmente ricordate che se vi trascinate dietro una donna ad una fiera dei fumetti riuscirà a trovare un capo d'abbigliamento da comprare perfino là: ma devo dire che dopo averle visto indossare questo stringivita, sono rimasto piacevolmente sorpreso!

venerdì 20 gennaio 2017

Le nerd-interviste : 10) Fulke Overton / Scai1971

  
Oggi per la decima nerd-intervista abbiamo un amico retrocomputerista : Fulke Overton aka Scai1971 !
Ciao e grazie per l'intervista , prima domanda : Scai1971 o Fulke Overton , da dove derivano questi pseudonimi?

Lo pseudonimo è qualcosa del quale difficilmente potrei rinunciare. La relativa recente introduzione di informazioni personali tangibili in rete è un aspetto che mi ha fortemente insospettito da subito, non solo perchè perdere l'anonimato un pò giocoso nascosto dietro nomi di fantasia mi rimanda ad un epoca di internet probabilmente meno aggressiva e più sicura nella sua parte ricreazionale, ma esporsi con nomi e cognomi, informazioni personali, eventi, luoghi, riportano a fatti di triste attualità, o comunque non sempre dal positivo riscontro. Su internet non amo particolarmente mettere in mostra la mia figura, desidererei che il poco che realizzo, tendenzialmente solo su Instagram per adesso, venga condiviso da un piccola comunità di veri appassionati, portare un contributo ad un settore che mi ha fortemente ispirato e per il quale vorrei, in un qualche modo, restituirne il favore. Questo principio di senilità si traduce anche in una certa diffidenza e pudicizia in fatto di "popolarità", probabilmente meno abbacinante rispetto a soggetti molto più giovani di chi vi scrive in questo momento.
Scai1971 deriva principalmente da 'Scai', che altrò non è che la traslitterazione di 'sky', abbreviazione di "Skywalker", "Luke Skywalker" [in questo non sono contemplati tessuti sintetici per capi in abbigliamento economici, per chi se lo fosse chiesto]. Da qui si evince chiaramente quale sia il mio nome di battesimo e in che contesto ed epoca sia nato questo soprannome. Se poi aggiungiamo anche il numero a fianco, che corrisponde al mio anno di nascita, tendenzialmente pensato per rendere il mio nickname univoco, tutto quanto assume un aspetto più coerente e comprensibile. Invece Fulke Overton non è riconducibile ad aspetti più personali propriamente detti. Come spesso accade[va], in fase di accesso a servizi informatici veicolati dalla rete, avevo una pragmatica necessità di completare l'aspetto identitario di un account per la regola di cui sopra. In quel frangente, mi è sovvenuto alla mente una trasmissione radiofonica con Elio e le Storie Tese, dove si divertivano nel riproporre nella loro scanzonata chiave di lettura, quei fumentti erotici un pò sconci tanto popolari negli anni settanta, quelli con in copertina il bollino con lo squaletto, per intenderci. Non ricordo esattamente che personaggio fu Fulke Overton in tutto questo, si potrebbe immaginare senza troppi sforzi, ma nel momento ero favorevole. Un pizzico di trasgressione volutamente nascosta non mi dispiaceva e nemmeno le ricerche eseguite da me in internet restituivano risultati troppo inflazionati legati al personaggio, ne al nome, anzi, proprio nessuno. Magnifico per il mio intento.

- Come ti è ritornata la passione per il retrocomputing / retrogaming (se mai se ne fosse andata..) ?
 

Esatto, la tua puntualizzazione finale non solo è appropriata, ma in realtà è la chiave di tutto. Possiamo dire che la mia passione per il retrogaming ed il retrocomputing abbia visto una fase di crescita e maturità in questi ultimi anni, rispetto ad un solo un collezionismo nella sua accezione più comune nella fase più embrionale. Parliamo dei primi anni novanta. Ad ogni cesura temporal-tecnologica caratterizzata dall'entrare in possesso del più recente apparecchio che ne sintetizzasse i contenuti più recenti ed evoluti dell'epoca, è quasi sempre seguito il rimessaggio della precedente macchina principale nelle proprie confezioni e posizionata in bella mostra su uno scaffale della camera di un tardo adolescente. In pochi casi ho ceduto le macchine precedentemente possedute, successivamente mi sono puntualmente pentito di queste scelte, ricomprando poi tardivamente, a volte molto, quelle stesse macchine, ma ovviamente non ritrovando più la mia stessa cura delle stesse da parte di altri. Mannaggia a me.
Possiamo affermare che il diffuso fenomeno, relativamente recente, che si è autodeterminato nei termini 'retrogaming' o 'retrocomputing' sarebbe arrivato molto a posteriori. La mia storia di macchine "abbandonate" per l'ultimo pezzo forte in fatto di informatica di massa, ha determinato un collezionismo sentimentale che negli anni ha potuto vantare un certo numero di esemplari. Il desiderio speculativo è approdato successivamente. Conoscere ed apprendere le peculiarità delle macchine concorrenti a quelle che possedevo e che, per forza di cose, non potevano essere acquistate secondo la regola di mio padre secodo il quale un computer in famiglia bastava e avanzava, solo in epoca ormai adulta ho potuto soddisfare. Al giorno d'oggi non è infrequente trovarsi in un salotto dove svettano il bella vista sia Playstation 4 che Xbox One. Qualche decina di anni fa, non era così e non era neppure pensabile. Un Atari 2600 accanto alla TV, con qualche cartuccia sparsa, ed eri già bollato come un qualcuno dedito al lusso più inutile e modaiolo. Quante idiozie da sopportare. Seriamente.

- Il computer vintage preferito? La console vintage preferita ? Il videogioco "classico" preferito ?


Questa domanda mi mette un pò in difficoltà, poichè, come affermavi qualchelinea più in alto, l'atto del preferire era determinato da precisi rapporti di forza. Tendenzialmente economici e culturali.
Per cui nella mia ottica attuale ogni macchina che colleziono, ha peculiarità non direttamente eleggibili ad uno status di "preferito" in quanto sono tutte protagoniste di quell'epoca magica nella quale si evidenziava all'orizzonte un cambio generazionale. Se dovessi, ma per motivazione squisitamente sentimentali, direi l'Atari 2600, che mio padre mi regalò forse nell'82, e che probabilmente non aveva ben presente che quell'apparecchio che andava ad acquistare prevedeva altri ammennicoli disponibili a pagamento che sarebbero stati necessari per non rendere l'acquisto meno longevo in fatto di soddifsazione. All'epoca, il prezzo medio di una cartuccia di gioco, si attestava attorno alle 70 mila Lire, se non di più. Tutto fuorchè qualcosa di troppo accessibile, specie per un ragazzino.
Per quanto riguarda il videogioco preferito, anche qui le difficoltà sorgono ingombranti. Potrei dire Pitfall II, poichè ha rappresentato l'archetipo del gioco di azione e avventura che ho follemente amato, ma che amo ancora oggi. Altresì, ritengo che H.E.R.O. [Activision] abbia portato un concept, un livello di giocabilità e una progressione nella difficoltà, difficilmente riscontrabile nella softeca dell'Atari 2600. Yar's Revenge per un'azione incalzante ed una curva di difficoltà con gli attributi, ma potrei citarne molti altri... come Nebulus sullo Spectrum, Defender of the Crown su Amiga, Marble Madness sempre su Amiga. Fabrizio, è impossibile sceglierne uno senza fare torti ad altri fantastici capolavori. Ma chi dice che dobbiamo scegliere quando possiamo non scegliere e avere... tutto* ? :)

* Usando i vari DivIDE, DivMMC, SD2IEC, Gotek Drive, 1541 Ultimate II, Krikkz Everdrive...

 

- Qual'è stato invece il tuo primo computer ?
Pausa. Respiro. Pausa. Ancora un respiro. Ancora una pausa. Il mio primo home computer è stato... imbarazzo generale... Il Commodore 16.
Merda, ancora parlare di questa macchina mi mette in difficoltà. Sempre dettato da fattori economici, la questione del : perchè acquistare un computer da 400 mila lire [il Commodore 64], quando per 200 mila lire puoi avere "la stessa cosa" ? Ma si sa, i giovani guardano il qui ed ora, e con l'amaro nel cuore, gioco forza, accettai. Ed all'epoca mi piacque pure, il C16. Macchina modesta, ma dal grande appeal estetico e con un grande punto a suo favore. Il suo BASIC 3.5. Decisamente oltre il vetusto BASIC V2 implementato nell'accoppiata danarosa e vincente VIC20 e C64. Quando c'era da programmare qualcosa, il C16 era veramente gratificante. Altrochè sfilze di POKE e PEEK solo per udire un suono o per visualizzare qualche pixel sullo schermo. Qui i comandi erano chiari e gestibili e conseguentemente anche il frutto della propria produzione. Infatti era particolarmente piacevole programmare la domenica mattina, al ritorno dall'edicola dove, per 1000 lire, si tornava a casa con 'lultimo numero di Paper Soft in mano, e praticamente il programma della domenica coincideva con il programma [BASIC] che riproducevi su video dal formato cartaceo che era.
Concluso questo aspetto divulgativo della materia di un certo rilievo, dall'altro lato, tristemente, i giochi per Commodore 16 erano quanto di più frustrante ci potesse essere sul mercato a quei tempi, a maggior ragione se comparati a quelli degli amichetti o compagni di scuola, chiaramente possessori sempre di macchine più performanti, Commodore 64 o Sinclair ZX Spectrum in primis. Una decisione si impose. Drammaticamente.
Se mi fosse concessa una domanda di riserva, ecco che questa potrebbe essere: "qual'è stato il tuo secondo computer ?".


 - Allora, qual'è stato il tuo secondo computer ? :)
 

A questa domanda rispondo più volentieri, grazie per avermelo chiesto ;)
Se i miei natali informatici, post Atari 2600, non furono esattamente brillantissimi, dopo qualche tempo, riuscì a mettere da parte qualche soldo per acquistare un Sinclair ZX Spectrum 48K + [si, il PLUS] usato, e li la musica cambiò totalmente e finalmente mi ritrovai in quel filone mainstream che tanto agognavo, con tutte le sue meraviglie in fatto di continue novità in un fermento quotidiano. Le riviste specializzate parlavano del tuo computer, gli sviluppatori realizzavano giochi per il tuo computer che erano quelli che avresti sempre voluto avere. In altre parole, il centro del mondo nella propria cameretta. Il massimo per un giovane nerd ante litteram. Con lo Spectrum, mi divertii veramemente, non solo per i giochi. Era una macchina su cui vi era un massivo investimento di sviluppatori a livello mondiale che il C16 non aveva nemmeno di lontano anni luce, già relegato a giocattolo elettronico per giovanissimi senza aspettative. Lo Spectrum mi accompagnò, così, verso il pieno dell'adolescenza e verso un destino avaro di giornate di sole interiore, fino a passare il testimone a quello che sarebbe diventato il mio nuovo destriero binario per alcuni anni a seguire: l'Amiga 500.

- Ho letto anche che sei appassionato di vinile , è un'altra passione che ti è sempre rimasta , o hai riscoperto di recente ?
 

Anche questo aspetto, come sopra, è determinato dell'epoca in cui si è concretizzato. Negli anni 80, sostanzialmente si disponeva di pochi veicoli per ascoltare musica. Radio, TV, ma in modo più personale musicassette e dischi. Per i più fortunati e facoltosi, ma ancora poco diffuso, il compact disc. Verso la fine degli anni 80, avendo trovato un lavoro senza futuro e senza soddisfazioni, ma con due soldi in tasca, riuscii a comprarmi un amplificatore Technics usato con relativi diffusori audio, con i quali progettai di elevare le performances del mio Amiga 500 ad ambizioni sonore più gratificanti. Da questo set-up iniziale, ben presto puntai ad una configurazione più estesa di stampo classico, acquistando nuovo un giradischi Technics SL-BD22. Iniziai subito a collezionare dischi. Poniamo attenzione ai termini. Dischi. Non dischi in vinile, anche se quelli erano. Il punto è che, all'epoca, non c'era la necessità di puntualizzare di quali dischi si trattasse, poichè c'erano solo quelli. I dischi. A me piace ricordarli così. Dischi e basta.
Collezionai dischi di quasi qualsiasi genere. Al ritmo di almeno uno a settimana, così fino a credo tutto il 1993, anno in cui acquistai un lettore CD Technics che conquistò la piazza in fatto di preferenza nella riproduzione musicale, abbandonando di fatto quasi integralmente il giradisch, relegato alla riproduzione di dischi mix e maxi singles.
Con un balzo narrativo di oltre vent'anni, siamo nel 2014. In piena epoca con una certa adorazione per il vintage, in soldoni quello che avevo riposto in cantina con la stessa cura con cui avevano stoccato l'arca dell'alleanza ne "I Predatori dell'Arca Perduta", nel finale del film. La voglia di rivedere quei giradischi, i meccanismi... ma anche di più. Molto di più. Decisi che ormai sono ero già adulto abbastanza per concedermi un vero impianto HI-FI anche se entry level. Così, ecco magicamente arrivare un amplificatore Yamaha con diffusori Magnat... e lo stesso giradischi Technics SL-BD22 di un tempo. Rinnovato di cinghia, poichè la gomma difficilmente regge la tirannia del tempo quando questo conta qualche decina di anni. Ma aimè, la combinazione non dava i risultati sperati. Il suono provenire dal giradischi anch'esso era il linea con le aspettative di un ascoltatore medio di trent'anni prima. Ma qual'era realmente il problema ? La testina, vecchia, usurata e con una risposta in frequenza di un massimo di 18Khz. Dopo averne acquistata una di recente produzione, una economicissima di Audio Technica, le cose migliorarono molto, ma non abbastanza per raggiungere quel livello di eccellenza che cercavo.
Qualche tempo più tardi, dopo varie ricerche, mi imbattei in questo, vedendomelo in tutta la sua magnificenza dietro il vetro di in un negozio di altissima fedeltà. Entrai con le spalle rasenti al muro.



Quando una cosa ti fa battere il cuore, non sbagli. Almeno questo è quello che avrà pensato il venditore. Così, lasciando a costui un cospicua bisaccia piena di dobloni, diventai il felicissimo possessore di un giradischi REGA RP1 Performance Pack. Rigorosamente MADE IN ENGLAND, precisamente a South End on Sea, già location del videoclip della canzone "Everyday Is Like Sunday" di Morrissey. Potete dire quello che volete ed obiettare la mia scelta, ma a me piace. Mi basta questo.
Nel frattempo, anche il mercato della musica è cambiato ed anche le metodologie di scelta e di vendita. Ormai da diversi anni, i vecchi negozi di dischi, anche quelli più storici, hanno fortemente accusato il colpo della impalpabilità della musica digitale e del commercio della stessa. Per il nostalgico, questo rappresenta un giro di boa che sulle labbra lascia un silenzio che ha tutto il sapore della rassegnazione, ma quando la spinta propulsiva di una cultura finisce, quando chi ti ha intrattenuto ed insegnato viene tristemente richiamato alla propria biologica natura, quando ciò che sembrava trainare la storia dell'umanità non può più mantenere la promessa, quando il futuro ti tradisce amico mio, tu dagli le spalle e procedi dritto verso un'altra dimensione metafisica, dove l'avanti e l'indietro non significano più nulla e ciò che desideri è solo rimanere per sempre in un momento del tempo immaginato e granitico, come il tuo desiderio di rinascere, rivivere e morire, proprio li.


Grazie ancora per la chiaccherata !



sabato 22 ottobre 2016

Micro Genius IQ-701

Un gentilissimo collega mi ha fatto dono di questo Micro Genius IQ-701, purtroppo non funzionante (non da segni di vita) , comunque trattasi di curioso clone di Nintendo Entertainment System (NES) . Assieme alla console ho avuto un pò di giochi che ancora mancavano alla mia collezione : Pesterminator , Journey to Silius , Super Mario Bros 3 , Chip'n'Dale Rescue Reangers e Gremlins 2.