martedì 31 gennaio 2017

Linus gennaio 2017

E' uscito nei giorni scorsi Linus di gennaio 2017 , il primo in nuovo formato e con un restyling grafico interno , per festeggiare l'evento come potete vedere la copertina è stata affidata a Zerocalcare , in più in regalo c'è questo bellissimo calendarietto dei Peanuts ! Fa comunque piacere ritrovare all'interno le strisce fra gli altri degli stessi Peanuts , di Dilbert , di Doonesbury..

lunedì 30 gennaio 2017

Arrival: La recensione di coppia


La nostra recensione di coppia del film Arrival, di Dennis Villeneuve

REGIA
F. = 8 MV. = 10  media = 9

STORIA
F. = 8 MV. = 10  media = 9

ATTORI
F. = 8 MV. = 7  media = 7.5

TRUCCO/PARRUCCO
F. = 8 MV. = 7 media = 7.5

COSTUMI
F. = 7 MV. = 6 media = 6.5

COLONNA SONORA
F. = 9 MV. = 8 media = 8.5

VOTO GLOBALE = 8

Considerazioni finali:
Bellissimo film di fantascienza "intimista", sulla scia di grandi opere come 2001 Odissea nello spazio e il più recente Interstellar, questa volta si esplora il tema della comunicazione e dello scorrere del tempo. E' fantascienza che fa riflettere, non fracassona, gli effetti speciali ci sono ma sono funzionali alla storia. Si parte dagli extra-terrestri e si finisce a riflettere su noi "terrestri"!

domenica 29 gennaio 2017

I cavalieri dello Zodiaco della Giochi Preziosi : Pisces (2000)


Nei primi anni 2000 la Giochi Preziosi pubblicò una serie di piccole action figure dedicate ai Cavalieri dello Zodiaco con armatura montabile , e i pezzi dell'armatura montati con un ordine diverso diventavano un'altra cosa (ispirandosi forse ai Transformers).
Giorni fa mi è capitato un personaggio della serie , Pisces alias il Cavaliere dei Pesci , purtroppo manca qualche pezzetto ma siamo riusciti comunque a completarlo.


Eccolo qui con la scatola e le istruzioni (purtroppo mancano anche i polistiroli)

E qui lo vediamo in primo piano.

venerdì 27 gennaio 2017

Le nerd-interviste : 11) Marco Meloni

Oggi per la serie delle nerd-interviste abbiamo un giovane amico nerd a tutto tondo : Marco Meloni !


Ciao Marco e grazie per questa piccola intervista , passiamo subito alle domande :


Il tuo fumetto preferito ?

Ciao Fabrizio.

Il mio fumetto preferito è senza dubbio "Orfani" della Bonelli, realizzato da Emiliano Mammuccari e Roberto Recchioni. 
Tutto è perfetto: 
- dalla storia alle illustrazioni.
- dalle copertine alle prefazioni di Recchioni.
- dai personaggi ai loro caratteri.
Insomma, la sorpresa con "Orfani" è sempre dietro l'angolo.
Lo consiglio vivamente a tutti.

Il tuo autore di fumetti preferito ?

Di autori (Italiani) preferiti in realtà ne ho quattro: Roberto Recchioni, Tiziano Sclavi, Simone Albrigi (in arte, Sio) e Tito Faraci, 
Di autori (Stranieri) ne ho tre: Shintaro Kago, Hajime Isayama e l'intramontabile Stan Lee.

Il primo fumetto che hai letto ? 
Beh, come tutti noi "Nerd", sicuramente, uno dei primi è stato Topolino.

A parte i fumetti , quali sono gli altri tuoi interessi "nerd" ?

Semplicissimo. 
Film Giapponesi (in particolare quelli del Maestro Hayao Miyazaki), poi, se può rientrare nella categoria "Nerd", amo la musica Rock (in particolare quella dei Pink Floyd), amo collezionare molti action figures giapponesi e non, infine adoro giocare ai vecchi titoli Nintendo/PSX.

Parliamo anche di retrogaming , ho visto che per Natale hai ricevuto il Nintendo Classic Mini , le tue impressioni ?

Le mie impressioni sul "nuovo" Nintendo Classic Mini ?
Che dire, il piccolo "replay" della Nintendo, ha colpito nel segno.
Proprio come il vecchio NES, il nuovo Classic Mini, dal design vintage e compatto, garantisce al giocatore un'esperienza unica di gioco. 
Sembra di essere tornarti nel passato:
Che bello rigiocare ai vecchi titoli Nintendo come il buon vecchio "Super Mario", l'intramontabile PAC-MAN, e l'insuperabile Donkey Kong.
Una delle tante sorprese del Classic Mini, è stato il prezzo che è veramente basso.  
Con 30 giochi (Nintendo) preinstallati, il divertimento è assicurato !

Ciao Marco e grazie ancora per l'intervista !


Se avete gradito questa e le altre nerd-interviste , vi chiedo se vi va di seguire questo blog cliccando il pulsante in alto a destra , grazie !

giovedì 26 gennaio 2017

Pokemon Trading Card Game

Continuo la carrellata con gli ultimi acquisti analizzando il lotto di carte dei Pokemon che ho preso, per comodità e non essendo io esperto le ho suddivise per anno di fabbricazione indicato nelle carte stesse (le serie sono un'infinità!)

Anno 2000

Anno 2001 (solo due)

Anno 2002 

Anno 2003 (solo una)

Anno 2004

Anno 2005

E infine il corposissimo anno 2006 !

Dei Pokemon possiedo anche questo piccolo lotto di personaggini , timbri , magneti , mini-carte , presumo venissero regalate con certi prodotti come sorpresine..

mercoledì 25 gennaio 2017

Lamincards di Dragon Ball

Come promesso analizzo più in dettaglio gli ultimi acquisti, inizio dal cospicuo lotto di Lamincards: erano delle carte plastificate prodotte dalla Edibas (purtroppo fallita), il lotto che ho recuperato io è su Dragon Ball, ma ne hanno fatte di altre serie..
Servivano per giocare ad un determinato gioco e si erano presto trasformate in puro collezionismo


In un mercatino di qualche mese fa avevo gia' trovato questo raccoglitore per la serie Oro di Dragon Ball Z (come vedrete di serie di Lamincards di Dragon Ball ne hanno fatto infinite!)


In questo lotto c'erano solo 2 card della serie Oro di Dragon Ball Zeta, comunque eccole finalmente nel loro raccoglitore !


Questa è la serie normale su Dragon Ball GT, numeri da 1 a 100 (ovviamente di ogni serie manca qualche numero)


Numeri da 101 in poi, sempre serie normale


Poi  arriviamo alle serie deluxe,  queste sono della serie Zaffiro...


serie Platino


serie Rubino


e infine serie Smeraldo!


martedì 24 gennaio 2017

Qualche acquisto dei giorni scorsi : Cavalieri dello Zodiaco , Lamincards , Pokemon , Linus..

Nei giorni scorsi nei consueti negozi dell'usato ho recuperato un bel pò di materiale , ragruppato in questa foto : Smart Cover originale per iPad , lotto di LaminCards di Dragon Ball (2 di Dragon Ball Z il resto di Dragon Ball GT) , lotto di carte dei Pokemon , personaggio Pisces (cavaliere d'oro dei pesci ?) dai Cavalieri dello Zodiaco in scatola di montaggio , Linus d'annata del 1982 e vari personaggini tra cui una Jessie da Toy Story parlante e un Paperinik !
Questo è Pisces , devo fare una verifica approfondita dei pezzi per vedere se manca qualcosa..
Questo è il lotto delle Lamincards di Dragon Ball..
.. e questo è il lotto delle carte dei Pokemon , anche queste di varie serie .
Nei prossimi giorni dovrei analizzare più in dettaglio gli acquisti più interessanti !


lunedì 23 gennaio 2017

Crescere che Palle ! di Sarah Andersen

Nei giorni scorsi in libreria ho preso finalmente "Crescere che palle !" di Sarah Andersen , edito dagli amici di Becco Giallo . Trattasi di una raccolta di strip di "vita vissuta" della giovane fumettista americana e anche se è scritto che non sono storie autobiografiche molti potranno riconoscersi in esse. Trattano come si evince del titolo del passaggio dalla giovinezza all'età adulta ma anche dei problemi delle donne , del rapporto di coppia , perfino del rapporto con gli animali domestici, tutto in maniera molto ironica e divertente !
A marzo è stato annunciato un nuovo libro !

domenica 22 gennaio 2017

Grillo Fonillo (1986)

Qualche giorno fa un mio amico mi ha portato un Grillo Fonillo della Texas Instrumensts (l'ho scambiato con vario materiale Apple). Trattasi di un gioco educativo della stessa serie del famosissimo Grillo Parlante , questo nasceva per apprendere la musica e il ritmo..
Eccolo in funzione


venerdì 20 gennaio 2017

Le nerd-interviste : 10) Fulke Overton / Scai1971

  
Oggi per la decima nerd-intervista abbiamo un amico retrocomputerista : Fulke Overton aka Scai1971 !
Ciao e grazie per l'intervista , prima domanda : Scai1971 o Fulke Overton , da dove derivano questi pseudonimi?

Lo pseudonimo è qualcosa del quale difficilmente potrei rinunciare. La relativa recente introduzione di informazioni personali tangibili in rete è un aspetto che mi ha fortemente insospettito da subito, non solo perchè perdere l'anonimato un pò giocoso nascosto dietro nomi di fantasia mi rimanda ad un epoca di internet probabilmente meno aggressiva e più sicura nella sua parte ricreazionale, ma esporsi con nomi e cognomi, informazioni personali, eventi, luoghi, riportano a fatti di triste attualità, o comunque non sempre dal positivo riscontro. Su internet non amo particolarmente mettere in mostra la mia figura, desidererei che il poco che realizzo, tendenzialmente solo su Instagram per adesso, venga condiviso da un piccola comunità di veri appassionati, portare un contributo ad un settore che mi ha fortemente ispirato e per il quale vorrei, in un qualche modo, restituirne il favore. Questo principio di senilità si traduce anche in una certa diffidenza e pudicizia in fatto di "popolarità", probabilmente meno abbacinante rispetto a soggetti molto più giovani di chi vi scrive in questo momento.
Scai1971 deriva principalmente da 'Scai', che altrò non è che la traslitterazione di 'sky', abbreviazione di "Skywalker", "Luke Skywalker" [in questo non sono contemplati tessuti sintetici per capi in abbigliamento economici, per chi se lo fosse chiesto]. Da qui si evince chiaramente quale sia il mio nome di battesimo e in che contesto ed epoca sia nato questo soprannome. Se poi aggiungiamo anche il numero a fianco, che corrisponde al mio anno di nascita, tendenzialmente pensato per rendere il mio nickname univoco, tutto quanto assume un aspetto più coerente e comprensibile. Invece Fulke Overton non è riconducibile ad aspetti più personali propriamente detti. Come spesso accade[va], in fase di accesso a servizi informatici veicolati dalla rete, avevo una pragmatica necessità di completare l'aspetto identitario di un account per la regola di cui sopra. In quel frangente, mi è sovvenuto alla mente una trasmissione radiofonica con Elio e le Storie Tese, dove si divertivano nel riproporre nella loro scanzonata chiave di lettura, quei fumentti erotici un pò sconci tanto popolari negli anni settanta, quelli con in copertina il bollino con lo squaletto, per intenderci. Non ricordo esattamente che personaggio fu Fulke Overton in tutto questo, si potrebbe immaginare senza troppi sforzi, ma nel momento ero favorevole. Un pizzico di trasgressione volutamente nascosta non mi dispiaceva e nemmeno le ricerche eseguite da me in internet restituivano risultati troppo inflazionati legati al personaggio, ne al nome, anzi, proprio nessuno. Magnifico per il mio intento.

- Come ti è ritornata la passione per il retrocomputing / retrogaming (se mai se ne fosse andata..) ?
 

Esatto, la tua puntualizzazione finale non solo è appropriata, ma in realtà è la chiave di tutto. Possiamo dire che la mia passione per il retrogaming ed il retrocomputing abbia visto una fase di crescita e maturità in questi ultimi anni, rispetto ad un solo un collezionismo nella sua accezione più comune nella fase più embrionale. Parliamo dei primi anni novanta. Ad ogni cesura temporal-tecnologica caratterizzata dall'entrare in possesso del più recente apparecchio che ne sintetizzasse i contenuti più recenti ed evoluti dell'epoca, è quasi sempre seguito il rimessaggio della precedente macchina principale nelle proprie confezioni e posizionata in bella mostra su uno scaffale della camera di un tardo adolescente. In pochi casi ho ceduto le macchine precedentemente possedute, successivamente mi sono puntualmente pentito di queste scelte, ricomprando poi tardivamente, a volte molto, quelle stesse macchine, ma ovviamente non ritrovando più la mia stessa cura delle stesse da parte di altri. Mannaggia a me.
Possiamo affermare che il diffuso fenomeno, relativamente recente, che si è autodeterminato nei termini 'retrogaming' o 'retrocomputing' sarebbe arrivato molto a posteriori. La mia storia di macchine "abbandonate" per l'ultimo pezzo forte in fatto di informatica di massa, ha determinato un collezionismo sentimentale che negli anni ha potuto vantare un certo numero di esemplari. Il desiderio speculativo è approdato successivamente. Conoscere ed apprendere le peculiarità delle macchine concorrenti a quelle che possedevo e che, per forza di cose, non potevano essere acquistate secondo la regola di mio padre secodo il quale un computer in famiglia bastava e avanzava, solo in epoca ormai adulta ho potuto soddisfare. Al giorno d'oggi non è infrequente trovarsi in un salotto dove svettano il bella vista sia Playstation 4 che Xbox One. Qualche decina di anni fa, non era così e non era neppure pensabile. Un Atari 2600 accanto alla TV, con qualche cartuccia sparsa, ed eri già bollato come un qualcuno dedito al lusso più inutile e modaiolo. Quante idiozie da sopportare. Seriamente.

- Il computer vintage preferito? La console vintage preferita ? Il videogioco "classico" preferito ?


Questa domanda mi mette un pò in difficoltà, poichè, come affermavi qualchelinea più in alto, l'atto del preferire era determinato da precisi rapporti di forza. Tendenzialmente economici e culturali.
Per cui nella mia ottica attuale ogni macchina che colleziono, ha peculiarità non direttamente eleggibili ad uno status di "preferito" in quanto sono tutte protagoniste di quell'epoca magica nella quale si evidenziava all'orizzonte un cambio generazionale. Se dovessi, ma per motivazione squisitamente sentimentali, direi l'Atari 2600, che mio padre mi regalò forse nell'82, e che probabilmente non aveva ben presente che quell'apparecchio che andava ad acquistare prevedeva altri ammennicoli disponibili a pagamento che sarebbero stati necessari per non rendere l'acquisto meno longevo in fatto di soddifsazione. All'epoca, il prezzo medio di una cartuccia di gioco, si attestava attorno alle 70 mila Lire, se non di più. Tutto fuorchè qualcosa di troppo accessibile, specie per un ragazzino.
Per quanto riguarda il videogioco preferito, anche qui le difficoltà sorgono ingombranti. Potrei dire Pitfall II, poichè ha rappresentato l'archetipo del gioco di azione e avventura che ho follemente amato, ma che amo ancora oggi. Altresì, ritengo che H.E.R.O. [Activision] abbia portato un concept, un livello di giocabilità e una progressione nella difficoltà, difficilmente riscontrabile nella softeca dell'Atari 2600. Yar's Revenge per un'azione incalzante ed una curva di difficoltà con gli attributi, ma potrei citarne molti altri... come Nebulus sullo Spectrum, Defender of the Crown su Amiga, Marble Madness sempre su Amiga. Fabrizio, è impossibile sceglierne uno senza fare torti ad altri fantastici capolavori. Ma chi dice che dobbiamo scegliere quando possiamo non scegliere e avere... tutto* ? :)

* Usando i vari DivIDE, DivMMC, SD2IEC, Gotek Drive, 1541 Ultimate II, Krikkz Everdrive...

 

- Qual'è stato invece il tuo primo computer ?
Pausa. Respiro. Pausa. Ancora un respiro. Ancora una pausa. Il mio primo home computer è stato... imbarazzo generale... Il Commodore 16.
Merda, ancora parlare di questa macchina mi mette in difficoltà. Sempre dettato da fattori economici, la questione del : perchè acquistare un computer da 400 mila lire [il Commodore 64], quando per 200 mila lire puoi avere "la stessa cosa" ? Ma si sa, i giovani guardano il qui ed ora, e con l'amaro nel cuore, gioco forza, accettai. Ed all'epoca mi piacque pure, il C16. Macchina modesta, ma dal grande appeal estetico e con un grande punto a suo favore. Il suo BASIC 3.5. Decisamente oltre il vetusto BASIC V2 implementato nell'accoppiata danarosa e vincente VIC20 e C64. Quando c'era da programmare qualcosa, il C16 era veramente gratificante. Altrochè sfilze di POKE e PEEK solo per udire un suono o per visualizzare qualche pixel sullo schermo. Qui i comandi erano chiari e gestibili e conseguentemente anche il frutto della propria produzione. Infatti era particolarmente piacevole programmare la domenica mattina, al ritorno dall'edicola dove, per 1000 lire, si tornava a casa con 'lultimo numero di Paper Soft in mano, e praticamente il programma della domenica coincideva con il programma [BASIC] che riproducevi su video dal formato cartaceo che era.
Concluso questo aspetto divulgativo della materia di un certo rilievo, dall'altro lato, tristemente, i giochi per Commodore 16 erano quanto di più frustrante ci potesse essere sul mercato a quei tempi, a maggior ragione se comparati a quelli degli amichetti o compagni di scuola, chiaramente possessori sempre di macchine più performanti, Commodore 64 o Sinclair ZX Spectrum in primis. Una decisione si impose. Drammaticamente.
Se mi fosse concessa una domanda di riserva, ecco che questa potrebbe essere: "qual'è stato il tuo secondo computer ?".


 - Allora, qual'è stato il tuo secondo computer ? :)
 

A questa domanda rispondo più volentieri, grazie per avermelo chiesto ;)
Se i miei natali informatici, post Atari 2600, non furono esattamente brillantissimi, dopo qualche tempo, riuscì a mettere da parte qualche soldo per acquistare un Sinclair ZX Spectrum 48K + [si, il PLUS] usato, e li la musica cambiò totalmente e finalmente mi ritrovai in quel filone mainstream che tanto agognavo, con tutte le sue meraviglie in fatto di continue novità in un fermento quotidiano. Le riviste specializzate parlavano del tuo computer, gli sviluppatori realizzavano giochi per il tuo computer che erano quelli che avresti sempre voluto avere. In altre parole, il centro del mondo nella propria cameretta. Il massimo per un giovane nerd ante litteram. Con lo Spectrum, mi divertii veramemente, non solo per i giochi. Era una macchina su cui vi era un massivo investimento di sviluppatori a livello mondiale che il C16 non aveva nemmeno di lontano anni luce, già relegato a giocattolo elettronico per giovanissimi senza aspettative. Lo Spectrum mi accompagnò, così, verso il pieno dell'adolescenza e verso un destino avaro di giornate di sole interiore, fino a passare il testimone a quello che sarebbe diventato il mio nuovo destriero binario per alcuni anni a seguire: l'Amiga 500.

- Ho letto anche che sei appassionato di vinile , è un'altra passione che ti è sempre rimasta , o hai riscoperto di recente ?
 

Anche questo aspetto, come sopra, è determinato dell'epoca in cui si è concretizzato. Negli anni 80, sostanzialmente si disponeva di pochi veicoli per ascoltare musica. Radio, TV, ma in modo più personale musicassette e dischi. Per i più fortunati e facoltosi, ma ancora poco diffuso, il compact disc. Verso la fine degli anni 80, avendo trovato un lavoro senza futuro e senza soddisfazioni, ma con due soldi in tasca, riuscii a comprarmi un amplificatore Technics usato con relativi diffusori audio, con i quali progettai di elevare le performances del mio Amiga 500 ad ambizioni sonore più gratificanti. Da questo set-up iniziale, ben presto puntai ad una configurazione più estesa di stampo classico, acquistando nuovo un giradischi Technics SL-BD22. Iniziai subito a collezionare dischi. Poniamo attenzione ai termini. Dischi. Non dischi in vinile, anche se quelli erano. Il punto è che, all'epoca, non c'era la necessità di puntualizzare di quali dischi si trattasse, poichè c'erano solo quelli. I dischi. A me piace ricordarli così. Dischi e basta.
Collezionai dischi di quasi qualsiasi genere. Al ritmo di almeno uno a settimana, così fino a credo tutto il 1993, anno in cui acquistai un lettore CD Technics che conquistò la piazza in fatto di preferenza nella riproduzione musicale, abbandonando di fatto quasi integralmente il giradisch, relegato alla riproduzione di dischi mix e maxi singles.
Con un balzo narrativo di oltre vent'anni, siamo nel 2014. In piena epoca con una certa adorazione per il vintage, in soldoni quello che avevo riposto in cantina con la stessa cura con cui avevano stoccato l'arca dell'alleanza ne "I Predatori dell'Arca Perduta", nel finale del film. La voglia di rivedere quei giradischi, i meccanismi... ma anche di più. Molto di più. Decisi che ormai sono ero già adulto abbastanza per concedermi un vero impianto HI-FI anche se entry level. Così, ecco magicamente arrivare un amplificatore Yamaha con diffusori Magnat... e lo stesso giradischi Technics SL-BD22 di un tempo. Rinnovato di cinghia, poichè la gomma difficilmente regge la tirannia del tempo quando questo conta qualche decina di anni. Ma aimè, la combinazione non dava i risultati sperati. Il suono provenire dal giradischi anch'esso era il linea con le aspettative di un ascoltatore medio di trent'anni prima. Ma qual'era realmente il problema ? La testina, vecchia, usurata e con una risposta in frequenza di un massimo di 18Khz. Dopo averne acquistata una di recente produzione, una economicissima di Audio Technica, le cose migliorarono molto, ma non abbastanza per raggiungere quel livello di eccellenza che cercavo.
Qualche tempo più tardi, dopo varie ricerche, mi imbattei in questo, vedendomelo in tutta la sua magnificenza dietro il vetro di in un negozio di altissima fedeltà. Entrai con le spalle rasenti al muro.



Quando una cosa ti fa battere il cuore, non sbagli. Almeno questo è quello che avrà pensato il venditore. Così, lasciando a costui un cospicua bisaccia piena di dobloni, diventai il felicissimo possessore di un giradischi REGA RP1 Performance Pack. Rigorosamente MADE IN ENGLAND, precisamente a South End on Sea, già location del videoclip della canzone "Everyday Is Like Sunday" di Morrissey. Potete dire quello che volete ed obiettare la mia scelta, ma a me piace. Mi basta questo.
Nel frattempo, anche il mercato della musica è cambiato ed anche le metodologie di scelta e di vendita. Ormai da diversi anni, i vecchi negozi di dischi, anche quelli più storici, hanno fortemente accusato il colpo della impalpabilità della musica digitale e del commercio della stessa. Per il nostalgico, questo rappresenta un giro di boa che sulle labbra lascia un silenzio che ha tutto il sapore della rassegnazione, ma quando la spinta propulsiva di una cultura finisce, quando chi ti ha intrattenuto ed insegnato viene tristemente richiamato alla propria biologica natura, quando ciò che sembrava trainare la storia dell'umanità non può più mantenere la promessa, quando il futuro ti tradisce amico mio, tu dagli le spalle e procedi dritto verso un'altra dimensione metafisica, dove l'avanti e l'indietro non significano più nulla e ciò che desideri è solo rimanere per sempre in un momento del tempo immaginato e granitico, come il tuo desiderio di rinascere, rivivere e morire, proprio li.


Grazie ancora per la chiaccherata !



giovedì 19 gennaio 2017

Dalla fumetteria : doppio Rat-Man !

Questa settimana , direttamente dalla fumetteria di fiducia Push the button , doppio appuntamento col nostro supereroe preferito! Rat-Man 118 "L'ombra di Topin" (purtroppo la fine si avvicina sempre di più , siamo al sesto albo sui dieci del gran finale..) e le storie classiche del Rat-Man Gigante 35 , con la struggente e malinconica storia "Camera Nove"

mercoledì 18 gennaio 2017

Ultimi acquisti : Dylan Dog, Ericsson R320S , Blackberry Pearl..

 Dai consueti negozi dell'usato , ho portato a casa questi 3 oggettini : 
- volumone di Dylan Dog "il piacere della paura" ( era il numero 1 di una collana del 2008 per festeggiare i 100 anni del fumetto italiano , includeva anche fumetti horror italiani pre-Dylan Dog)
- Mitico Blackberry Pearl 8100 , purtroppo non si accende , lo terrò per pezzi di ricambio
- Storico Ericsson R320S 
Quest'ultimo funzionante e con alimentatore originale , anno 2000 , degna di nota è la presenza tra i suoi menù del mitico gioco Tetris !




martedì 17 gennaio 2017

Cassette dagli anni '90

Cercando tra i dischetti per il portatile Epson , ho ritrovato queste cassette direttamente dagli 90 (e anche una più antica !)
Elio e le storie tese - Not  unpreviously unreleased 'nt  e Litfiba ( senza titolo ? ) , queste 2 furono date in allegato col mitico mensile Tutto
Depeche Mode - The singles 86/98
Jean Michel Jarre - En Concert , quest'ultima è degli anni 80 e risale ad un mio viaggio in Francia addirittura fatto alle medie !
Poi c'era anche questa DOPPIA compilation su cassetta di musica hip-hop , risalente al 1998
Come vedete certi artisti sono ancora in attività...altri non si sa che fine abbiano fatto



domenica 15 gennaio 2017

Il grande GiveAway di gennaio !

Ho pensato di lanciare oggi il mio primo GiveAway!
Le regole per partecipare sono :
- seguire questo blog e seguirmi su Instagram ( https://www.instagram.com/fabrizioperale/ )
- lasciare un commento su questo post e sul post gemello su Instagram

Il 25 gennaio tra tutti quelli che avranno seguito e commentato estrarrò questo lotto di premi :
 - DVD di Iron Man
- Cartoncino promozionale di Doctor Strange
- Poster del film Il settimo figlio
- Poster del gioco Assassin's Creed Syndicate
In bocca al lupo a tutti !


venerdì 13 gennaio 2017

Le nerd-interviste: 9) Paolo Gallina

Riprendiamo col nuovo anno la serie delle nerd-interviste, ricominciamo con un altro amico fumettista, che ho avuto la fortuna di conoscere al Temporary Book Store a Mestre di fine anno : Paolo Gallina! La sua ultima opera è la biografia a fumetti, realizzata con Antonio Solinas, del rapper Tupac Shakur. 
Ciao Paolo e grazie ancora per questa piccola intervista!

Ciao, grazie a te Fabrizio!

- Com’è iniziata la tua attività di disegnatore di fumetti?

 
Ho letto fumetti fin da piccolo e il disegno è sempre stato il mio principale interesse. Nel 2013 ho vinto il concorso per nuovi autori del Treviso Comic Book Festival, da li ho iniziato a collaborare con alcuni editori su storie brevi. Con alcuni amici abbiamo anche creato un collettivo, Super Squalo Terrore, col quale autoproduciamo dei fumetti.
Nel 2015 ho partecipato all’antologia La traiettoria delle Lucciole di Beccogiallo Editore e sempre con loro ho disegnato la mia prima graphic novel, “Tupac Shakur solo Dio può giudicarmi”, su testi di Antonio Solinas.

- I tuoi autori di riferimento e/o preferiti?

  Amo molti autori, di sicuro uno dei primi ad avermi appassionato è stato Giorgio Cavazzano sulle pagine di Topolino. Mi sono poi interessato a un tipo di fumetto più realistico ma sempre con una predilizione ad autori dal tratto molto personale o grottesco. Per farti alcuni nomi Hugo Pratt, Ferdinando Tacconi, Josè Munoz, Nicola Mari, Ivo Milazzo, Sergio Zaniboni, Alex Toth, Frank Miller, Mike Mignola, Jack Kirby.

- Come è nata l’idea di una biografia su Tupac Shakur?

  Tupac è stato uno dei primi musicisti che ho ascoltato, ed è un personaggio che ha vissuto una vita breve ma molto intensa e a mio parere interessante da raccontare. Questa idea mi ha portato a conoscere Antonio Solinas, sceneggiatore e curatore molto appassionato di hip hop, con il quale abbiamo iniziato a dare forma alla nostra visione di Tupac.

- Quali sono i tuoi progetti per il futuro?

  Ho diverse idee, l’uscita più imminente sarà però il secondo numero dell’antologia Il Condominio assieme ai miei amici di Super Squalo Terrore.

 - So che sei tra gli organizzatori anche del Treviso Comic Book Festival, hai già qualche novità per la prossima edizione?

  Al momento è un po’ presto per gli annunci ma anche nel 2017 vedrete un’edizione molto carica. Posso già anticipare che anche quest’anno ci sarà il connubio fra fumetto e hip hop.

-       La domanda che faccio a tutti: il primo fumetto che hai letto?

  Topolino, fin da prima di saper leggere.

Grazie ancora per l'intervista e a presto!




giovedì 12 gennaio 2017

Epson ActionNote 4SLC2-50 - aggiornamento

Come promesso a dicembre , sono finalmente riuscito ad aprire questo storico portatile..
Al centro penso ci sia uno zoccolo vuoto per un coprocessore matematico opzionale , a destra c'è il lettore di floppy disk e a sinistra l'HD da 120 MB.
Dopo averlo aperto e ricontrollato i collegamenti almeno il floppy ha ricominciato magicamente a leggere i dischetti !
Qui ho fatto il boot con il praticissimo "All in boot one floppy" di Michael Schierl , da qui ,  tramite FreeDos , ho caricato un classicissimo gioco , ecco a voi Alley Cat !




mercoledì 11 gennaio 2017

Pog !

Domenica scorsa sempre al mercatino ho recuperato uno stock di "pog" , trattasi di gettoni di cartone con cui nei primi anni '90 si giocava all'omonimo gioco.. ne furono fatte 3 serie ufficiali e poi vari altre serie da collezione ispirate a film , videogiochi ecc..
Pog della prima serie (anno 1994)

Pog della seconda serie (denominata "Il giro del mondo" , c'è raffigurato infatti Pogman in diversi luoghi nel mondo)

Serie del 1995 dedicata al "fortunato" film Mortal Kombat , dal videogioco omonimo

E infine serie del 1995 questa volta sul film Batman Forever , di Joel Schumacher


martedì 10 gennaio 2017

Disney Parade De Agostini

Domenica ho recuperato 10 statuine della serie Disney Parade della De Agostini , anni 2003-2005...
Eccole nel dettaglio :
Minnie
Paperino (un pò incazz adirato !)
Paperina
Jar Jar Binks Pippo !
Gastone , col mazzolin di quadrifogli
Paperone tuffante nelle monete (nella realtà uno si farebbe parecchio male credo!)
Clarabella , aveva un braccino staccato che sono riuscito a riattaccare
Paperone , purtroppo questo mancante di una mano..
Amelia , mi è stata già rubata da mia moglie :D
Paperinik , qui entrato a far parte del mio Panheon di supereroi :)