Visualizzazione post con etichetta paologallina. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta paologallina. Mostra tutti i post

domenica 22 settembre 2019

Treviso Comic Book Festival is coming: le vetrine!

Oggi giro di perlustrazione a Treviso in occasione del classico appuntamento con il mercatino "Cose d'altri tempi" (che non è propriamente il mio target). Ne ho approfittato per scattare delle foto alle vetrine di alcuni negozi, che come da tradizione sono state impreziosite da vari disegnatori, in previsione appunto del Treviso Comic Book Festival. Festival che arriverà il prossimo weekend e dove ovviamente sarò presente, ma vediamo intanto qualche vetrina catturata oggi (con sorpresa finale)!

giovedì 12 luglio 2018

Paolo Gallina: Normali - La mostra

Questo tardo pomeriggio giretto a Treviso dove abbiamo visitato l'interessantissima mostra personale dell'amico Paolo Gallina. Ricordo che Paolo è stato uno dei primi fumettisti che ho intervistato per questo blog, l'intervista la potete ritrovare qui: http://www.nerditudine.it/2017/01/le-nerd-interviste-9-paolo-gallina.html
Ecco il consueto piccolo reportage!

giovedì 3 maggio 2018

Oltre il fiume - di Luca Vanzella e Paolo Gallina

 Ebbene si, 100 anni sono passati dalla fine della prima guerra mondiale. Stasera parliamo del tragico conflitto con questo libro che ho preso al Fumetti al Museo: Oltre il fiume di Luca Vanzella e Paolo Gallina!

domenica 29 aprile 2018

Fumetti al Museo 2018

Io e l'amico ZoSo oggi abbiamo visitato l'evento annuale Fumetti al Museo, che come l'anno scorso si è svolto negli spazi esterni al Museo del Paesaggio in quel di Torre di Mosto (VE).
Moltissime le autoproduzioni presenti, vediamo qualche foto?

domenica 25 marzo 2018

Be Comics 2018: Secondo giorno! (seconda parte)


Micene di Sagitter! 
Come già detto, talmente tante erano le foto del secondo giorno al Be Comics (ieri) che ho dovuto spezzare in due il post :) Ecco la seconda parte, domani posterò le (numerose) foto di oggi!

giovedì 3 agosto 2017

Treviso Comic Book Festival: le nomination del premio Carlo Boscarato!

Sono uscite nei giorni scorsi le nomination del premio dedicato al grande autore trevigiano Carlo Boscarato assegnate alle migliore novità editoriali. Le nomination sono state selezionate dall'associazione Fumetti in Treviso e saranno votate da una giuria di giornalisti, la premiazione si terrà domenica 24 settembre alle 12 ovviamente a Treviso nel corso del Festival.
Eccole (in grassetto ho evidenziato gli artisti che ho intervistato o le opere che ho recensito, con relativo link al post del blog):

venerdì 12 maggio 2017

Le nerd interviste: 26) Super Squalo Terrore

Oggi per la serie delle nerd interviste abbiamo il collettivo Super Squalo Terrore incontrato al Be Comics, e qui rappresentato da Paolo Gallina (che avevamo già intervistato come artista singolo) e Michele Bruttomesso!

- Ciao e grazie per l'intervista, come nasce il vostro collettivo?

MB: Allora, ci siamo conosciuti tramite il Treviso Comic Book Festival, perché comunque collaboriamo tutti chi da più tempo chi da meno col TCBF. Io fra l’altro sono arrivato fa poco nel collettivo, sono un nuovo acquisto! Nasce sostanzialmente per avere un progetto comune sul quale lavorare, e anche per provare stili che magari nel nostro lavoro o nelle commissioni appunto lavorative non possiamo provare o anche per raccontare storie che magari non abbiamo mai la possibilità di raccontare..

- Una palestra in pratica!

MB: Esatto, uno spazio gioco, uno spazio di sperimentazione.

- Quindi siete al secondo volume.

MB: Siamo al secondo volume appunto, si chiama “Il condominio” perché è l’ambientazione..

- Di tutte le storie?

MB: Di tutte le storie. Poi non sono per forza ambientate dentro al condominio, ma tutti i personaggi della storia abitano nel condominio.

- Il primo volume invece?

MB: Anche il primo era Il condominio, solo che quello era Il condominio 1, quello nuovo è Il condominio 2.
Ogni autore ha un piano del condominio, e quindi ha la possibilità di giocare con vari personaggi, infatti nel secondo numero tornano alcuni personaggi ma non in tutte le storie. Quindi uno in un numero può giocare con uno specifico appartamento di quel piano e nel secondo numero con un altro appartamento per cui i personaggi sono completamente diversi. E’ un pretesto narrativo per legare comunque tutte le storie in un certo modo, e anche un pò un paletto..

PG: Si, per non usare il solito pretesto del tema comune per legare le storie, c’è venuta questa idea del legarle con un unico posto geografico. Una struttura che racchiude tutti i personaggi ma che non sia vincolante sul cosa o come lo voglio raccontare.

MB: Infatti una cosa bella dei due numeri secondo me è che hanno tutti e due un mood molto diverso e un tono di voce molto diverso. Involontariamente, perché poi ognuno racconta la storia che vuole, ma mentre nel primo numero se vogliamo ci sono storie più bizzarre, più anche divertenti, il secondo numero ha delle storie con delle tematiche un pò più cupe, e questo è possibile proprio perché non abbiamo un tema su cui giocare. Semplicemente il luogo fisico collega tutte le storie.

- Ma il nome Super Squalo terrore da dove nasce?


PG: Il nome è un un nome pò atipico secondo me per un’autoproduzione..

- Ricorda un pò i titoli dei fumetti o film degli anni ’70..

PG: Si, è un nome un pò aggressivo appunto su quel tipo di linea là, anche se poi il nostro prodotto non per forza lo rispecchia.

- Si, infatti uno magari pensa a fumetti horror, splatter..

PG: Si in realtà è qualcosa che è divertente proprio per il contrasto! Cioè è un nome talmente cazzuto che poi vedi comunque la copertina rosa e dici “ma come, cosa sta succendendo?” e secondo me crea un giusto contrasto…

- Progetti futuri? Farete il terzo volume?

MB: Arriverà a breve il terzo numero..

- Sempre Il condominio ?

MB: Sarà Il condominio 3, però non so quanto possiamo sbilanciarci..

PG: Non possiamo sbilanciarci anche perché non ne abbiamo più di tanto parlato, di sicuro noi questa cosa del condominio vogliamo continuarla ed è il progetto comune che racchiude tutti i membri (o quasi) del collettivo, il contenitore per tutti noi. Poi Super Squalo Terrore in realtà è una specie di marchio, forse non è il termine giusto ma è un qualcosa che ci identifica, e che può essere usato da ognuno di noi come un veicolo per proporre anche progetti personali o di coppia.. Nel senso se io volessi domani fare un libretto autoprodotto o qualsiasi cosa potrei farlo passare..

- Tipo una crew, tanto per usare un termine hip hop?

PG: Si esatto, è come il Wu-Tang Clan, è il nostro Wu-Tang Clan! Ci permette di essere forti, di avere una solidità che ti da il gruppo, anche a livello di distribuzione e di pubblicità, però ci permette anche di sviluppare un percorso individuale. Al momento abbiamo ancora le cose antologiche ma i progetti personali ci sono e arriveranno.

MB: E poi sicuramente gireremo molto, adesso abbiamo già un paio di eventi in programma dopo il Be Comics..

- Beh sarete al TCBF sicuramente!

MB: A Treviso per forza, poi saremo a Mestre allo Spazio Aereo anche a fare una performance, torniamo a Padova ai primi di aprile per un festival che si chiama “Irruzioni”, e poi i vari appuntamenti classici..

PG: I vari appuntamenti che raccolgono il mondo dell’autoproduzione, ma non solo a fumetti. A noi ci piace, almeno parlo per me ma penso che sia una delle caratteristiche che ci accomuna, non stare chiusi nella zona di sicurezza del fumetto ma confrontarci con altre realtà culturali che fanno da stimolo.

MB: Anche perché poi comunque noi non siamo tutti fumettisti, alcuni sono anche solo illustratori, cioè io alla fine sono un illustratore che prova ogni tanto a fare dei fumetti. Già di nostro siamo variegati, e questo ci permette anche appunto di proporci in situazioni che non sono tipicamente del fumetto.

Grazie a Michele Bruttomesso e a Paolo Gallina di Super Squalo Terrore per l'intervista!

Se avete gradito questa e le altre nerd-interviste, vi chiedo se vi va di seguire questo blog cliccando il pulsante in alto a destra, grazie !

martedì 21 marzo 2017

Be Comics: secondo giorno

Continuamo con il resoconto della nostra tre giorni al Be Comics di Padova!

Il primo robottone italiano!

Il secondo giorno sono continuati i nostri incontri con i vari autori, qui ho conosciuto Officina Infernale, scatta d'ufficio la nerd-intervista con dedica al suo nuovo volume Iron Gang!

Per la serie paparazzate, ecco Stefano Antonucci con Tuono Pettinato!

 Finalmente ho incontrato e scambiato 4 chiacchere con Enrico Simonato, bravissimo disegnatore, che su mia richiesta ha creato una splendida Lady Oscar per la mia dolce metà!

Il gentilissimo Gianluca Giora presenta le sue creazioni in Supersculpey, e illustra i vantaggi di questo materiale!

Nel corridorio del Centro S.Gaetano si danno perfino lezioni di spada Jedi!

Nel pomeriggio sono anche riuscito a fare una capatina al settore denominato Japan World dove, tra l'altro, ai venditori era consentito esporre ogni genere di action figure (nella foto potete apprezzare una nerd-contrattazione!)

Si potevano ammirare, inoltre, 2 modellini di Big Robot: trattasi di 'mecha' italiano, nato dalla mente del fumettista Alberico Motta nei primi anni 80, diventato poi ovviamente un cult, tanto da meritarsi qualche anno fa una riedizione delle storie!

Infine gli acquisti del secondo giorno: Il condominio 1 e 2 del collettivo Super Squalo Terrore (seguirà intervista!), Capitan Venezia & La lupa - Roma Criminale (anche qui seguirà intervistona con l'amico e sceneggiatore Fabrizio Capigatti) e Iron Gang di Officina Infernale..

..e le consuete dediche e sketch di Capigatti, Officina Infernale e Gallina!

venerdì 13 gennaio 2017

Le nerd-interviste: 9) Paolo Gallina

Riprendiamo col nuovo anno la serie delle nerd-interviste, ricominciamo con un altro amico fumettista, che ho avuto la fortuna di conoscere al Temporary Book Store a Mestre di fine anno : Paolo Gallina! La sua ultima opera è la biografia a fumetti, realizzata con Antonio Solinas, del rapper Tupac Shakur. 
Ciao Paolo e grazie ancora per questa piccola intervista!

Ciao, grazie a te Fabrizio!

- Com’è iniziata la tua attività di disegnatore di fumetti?

 
Ho letto fumetti fin da piccolo e il disegno è sempre stato il mio principale interesse. Nel 2013 ho vinto il concorso per nuovi autori del Treviso Comic Book Festival, da li ho iniziato a collaborare con alcuni editori su storie brevi. Con alcuni amici abbiamo anche creato un collettivo, Super Squalo Terrore, col quale autoproduciamo dei fumetti.
Nel 2015 ho partecipato all’antologia La traiettoria delle Lucciole di Beccogiallo Editore e sempre con loro ho disegnato la mia prima graphic novel, “Tupac Shakur solo Dio può giudicarmi”, su testi di Antonio Solinas.

- I tuoi autori di riferimento e/o preferiti?

  Amo molti autori, di sicuro uno dei primi ad avermi appassionato è stato Giorgio Cavazzano sulle pagine di Topolino. Mi sono poi interessato a un tipo di fumetto più realistico ma sempre con una predilizione ad autori dal tratto molto personale o grottesco. Per farti alcuni nomi Hugo Pratt, Ferdinando Tacconi, Josè Munoz, Nicola Mari, Ivo Milazzo, Sergio Zaniboni, Alex Toth, Frank Miller, Mike Mignola, Jack Kirby.

- Come è nata l’idea di una biografia su Tupac Shakur?

  Tupac è stato uno dei primi musicisti che ho ascoltato, ed è un personaggio che ha vissuto una vita breve ma molto intensa e a mio parere interessante da raccontare. Questa idea mi ha portato a conoscere Antonio Solinas, sceneggiatore e curatore molto appassionato di hip hop, con il quale abbiamo iniziato a dare forma alla nostra visione di Tupac.

- Quali sono i tuoi progetti per il futuro?

  Ho diverse idee, l’uscita più imminente sarà però il secondo numero dell’antologia Il Condominio assieme ai miei amici di Super Squalo Terrore.

 - So che sei tra gli organizzatori anche del Treviso Comic Book Festival, hai già qualche novità per la prossima edizione?

  Al momento è un po’ presto per gli annunci ma anche nel 2017 vedrete un’edizione molto carica. Posso già anticipare che anche quest’anno ci sarà il connubio fra fumetto e hip hop.

-       La domanda che faccio a tutti: il primo fumetto che hai letto?

  Topolino, fin da prima di saper leggere.

Grazie ancora per l'intervista e a presto!