domenica 30 maggio 2021

Il Divin codino: La recensione di coppia

 

La nostra recensione del film Il Divin codino, disponibile su Netflix!

REGIA:  F = 7 MV = 9 MEDIA = 8.25

STORIA:  F = 8 MV = 9 MEDIA = 8.5

ATTORI: F = 7.5 MV = 9 MEDIA = 8.25

TRUCCO/PARRUCCO:  F = 7 MV = 8 MEDIA = 7.5

COSTUMI:  F = 6.5 MV = 6 MEDIA = 6.25

COLONNA SONORA:  F = 7.5  MV = 10 MEDIA = 8.75

TOTALE = 7.92

FP: Come saprete, il film vuole ripercorrere la carriera di Roberto Baggio, soffermandosi su alcune tappe della sua vita, i momenti più salienti. Qualcosa è state tralasciato, piuttosto la pellicola è un grande saliscendi fra le difficoltà, i momenti di crisi e le rinascite. Rinascite dovute anche alla sua adesione alla filosofia buddista. Significativo anche il rapporto di Baggio con il padre, un uomo duro e severo ma che comunque a suo modo lo spronava, ben interpretato da Andrea Pennacchi. Bravo anche il protagonista Andrea Arcangeli, ha reso molto bene il carattere non facile di noi veneti.

MV: Mi è piaciuto molto, perché più che la storia delle sue vittorie, trama che sarebbe stata piuttosto scontata, è la storia della costruzione della carriera di un campione. E' interessante vederlo diventare un vincente non con un trofeo in mano ma quando finalmente riesce a sentire l'amore che lo circonda. E' uno di quei film che già sapevo mi sarebbe piaciuto, ma non credevo così tanto. Non occorre essere esperti di calcio per apprezzarlo, anzi le azioni calcistiche sono proprio ridotte all'osso. Pur non amando particolarmente Diodato, la canzone creata per il film è veramente notevole. Gli attori sono veramente bravi, in particolare Andrea Arcangeli non imita Roberto Baggio ma si immedesima in lui. 

La classifica del film visti nel 2021

1) Nomadland 8.62
2) Il Divin codino 7.92
3) Zack Snyder's Justice League 7.79
4) I care a lot 7.62
5) Pieces of a woman 7.5
6) Wonder Woman 1984 7.42
7) Ammonite 7.29
8) Ava 7.08
9) La nave sepolta 6.92
10) Notizie dal mondo 6.83
11) Estraneo a bordo 6.5
12) Il principe cerca figlio/Alice e Peter 6.33
14) Thunder Force 5.96
15) Outside the wire 5.87

8 commenti:

  1. Difficile raccontare la storia di Baggio in un'ora e mezza però qua sono riusciti a dare un senso logico ai patemi dell'uomo piuttosto che alla storia del calciatore.
    Il che è un grandissimo punto di forza che fa passare inosservati i piccoli difettucci del film

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo dice anche la canzone di Diodato, L'uomo dietro al campione :D

      Elimina
  2. Non sapevo di questo film, che vista la caratura del personaggio, e il carattere "non facile di noi veneti", dovrò vedere ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Baggio era così.."musone", timido... l'attore è stato molto bravo!

      Elimina
    2. Mi ci ritrovo nella definizione "musone", timido ... sono un incrocio tra alligatore e orso (non a caso, sono uno dei più grandi consumatori di miele d'Europa).

      Elimina
    3. Noi veneti siamo così :D

      Elimina
  3. Ma siamo sicuri che Baggio meriti un film e allora un Pele, un Platini o un Zoff tanto per ricordare dei nomi meriterebbero un monumento equestre in ogni citta.
    Ciao fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai cosa, è più interessante un film su un campione che ha avuto molte sconfitte che su un campione che ha sempre vinto..cioè ti immagini che palle un film su Messi o CR7?

      Elimina