sabato 20 giugno 2020

Summer O'Clock: Le mie estati mundial


Oggi è il 20 giugno, e in teoria è il solstizio d'estate. Noi della Geek League abbiamo pensato ad un post in tema, per festeggiare questo avvenimento... anche se sarà sicuramente un'estate strana visto il momento collettivo che stiamo vivendo. Comunque bando alle ciance!


Ho deciso quindi di parlare delle mie estati "mundial", in particolare soffermandomi sulle volte in cui ho festeggiato la vittoria dell'Italia. Ovviamente non sono così vecchio da ricordarmi quelle del 1934 e 1938 :) Io sono nato nel 1974, del mondiale del 1978 in Argentina ricordo solo che avevo una maglietta con la mascotte. Ma è col 1982 che iniziano i primi veri ricordi della nostra nazionale a questo importante torneo. Ricordo che l'Italia non partiva come favorita. Poi ci capivo ancora poco delle partire, ma ho in mente flash con i goal di Rossi, le sgroppate di Bruno Conti, il "vecchio" Dino Zoff, Zico che si lamenta per la maglietta strappata da Gentile...


Eccoci dunque alla finale, che mi sembra di aver visto in casa di vicini su uno quei televisoroni a tubo catodico di una volta. Saremo stati una decina di persone. Ricordo le maledizioni al rigore sbagliato da Cabrini, poi le esultanze sempre più forti per i 3 goal dell'Italia. Alla fine andammo nella piazza del capoluogo comunale a vedere gli scalmanati che festeggiavano, fra cui mi rimarrà sempre impresso uno che sbucò dal tettuccio di una Fiat 500 con delle mutande in testa!


Passiamo al 2006, in mezzo ci sono state molte delusioni, fra  notti magiche che tanto magiche non sono state, rigori sbagliati, arbitri cornuti... Anche qui l'Italia non partiva fra i favoriti, era appena scoppiato lo scandalo di Calciopoli, ma come nel 1982 nell'avversità la squadra ha trovato una forza interiore per superare tutti gli avversari. Fra tutti gli episodi amo ricordare i goal alla Germania in semifinale: quello di Grosso, partito onesto gregario ma trasformatisi in campione col passare della partite, e quello di Del Piero, un contropiede perfetto in cui la palla la toccano prima Cannavaro, Totti e Gilardino.


Poi ancora una volta per noi la finale si conclude ai calci di rigore ma questa volta la maledizione è sfatata: siamo campioni del mondo per la quarta volta! Da bimbo del 1982 che era curioso delle mattane degli altri mi trasformo in adulto che può esultare a suo piacimento. Già alla fine della semifinale della Germania girammo in auto per Lignano Sabbiadoro, dove ci trovavamo in vacanza, per suonare il clacson a tutti i "tedeschi" che vedevamo in giro. Per festeggiare la vittoria finale andammo ancora una volta nella piazza del 1982, io con la bandiera italiana a mò di mantellina di super-eroe! E mia moglie mi ha fatto desistere dal mettere un pallone da calcio nelle mani di una statua, in verità posta in memoria di un martire della Resistenza, ma da molti ribattezzata già anni prima come "monumento a Dino Zoff"...


Vi rimando ai post degli altri membri della Geek League:

Il caffè di Riky
La cupa voliera del Conte Gracula
Moz O'Clock
The reign of Ema
Il Mondo di Nerd

29 commenti:

  1. Vorrei ricordare per sempre il 2006, e dimenticare 90, 94, 98 e 2002, e poi 2010, 2014 e 2018, amarezze e figuracce.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh ne abbiamo da dimenticare :D Ma aspettare così tanto rende poi ancora più dolci le vittorie!

      Elimina
    2. Io invece '90, '94, '98 li vorrei rivivere 😍. Quanto amavo "quel calcio".
      Il 2002 è stato l'anno della maturità, ma qualcosa mi sono goduto comunque. 2010 ricordo di aver visto la partita con la Slovacchia con la persona che ora mi fa battere il cuore 😍

      Elimina
    3. Gli anni '90 ti sembravano migliori come tipo di gioco? Del 2010 e 2014 purtroppo ho ricordi pessimi di quei mondiali :D che pena!

      Elimina
    4. Migliori no..sicuramente migliori le maglie, per il mio gusto!
      È tutto l'insieme..

      Elimina
    5. Ti dirò, a me delle maglie mi importa relativamente..mi basta che non siano orripilanti :D

      Elimina
  2. Grande post Fabri, sarebbe stato perfetto per il Bazar!
    Del 2006 ho dei buoni ricordi. La semifinale e la finale vista a casa di Diego, il ragazzo milanista da cui ci ritrovavamo per le partite dei rossoneri. Dopo la finale il "carosello" delle auto per le vie di Novafeltria. Molto bello vivere quei momenti in compagnia. Ricordo la partita con la Cecoslovacchia vista con il mio amico Alberto: dal 1996 per ogni competizione guardiamo insieme ALMENO una partita. Per il resto erano gli anni dell'università e purtroppo c'erano anche gli esami di mezzo. Ma se non sbaglio l'ultimo esame fu proprio la mattina di quel 4 luglio di Germania Italia. Infatti gli esami della triennale gli ho dati in quattro anni, concludendo però una sessione prima (c'era un altro giro di date fino a metà luglio e poi la sessione di settembre).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le finali e i festeggiamenti BISOGNA viverli in compagnia :D

      Elimina
  3. Nell'82 non ero ancora nato ma mio padre me ne ha sempre parlato con gli occhi lucidi, lui che beccò la Nazionale in partenza da Milano Malpensa e si fece una foto con Bergomi poche settimane prima di essere campioni del mondo.
    Io non seguo il calcio da anni ma quel 2006, invece, me lo ricordo eccome!
    Bei ricordi e gran post!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mitico Zio Bergomi! A 18 anni pareva già uno di 40 con quei baffi :D

      Elimina
  4. Un post in perfetto stile Riky.
    Non avrete confuso le firme?
    Scherzo, ovviamente. Io conservo un buon ricordo solo del mondiale del 2006 (e non solo perché l'abbiamo vinto). ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono un grande appassionato di calcio ma qui di solito parlo d'altro, anche perché non voglio togliere il lavoro a Riky :D

      Elimina
  5. Del 2006 non ho bei ricordi perché ero un adolescente "disperato"… Poi certo rimango ricordi indelebili… Più per gli altri in verità…

    Il mio mondiale preferito l'unico vissuto nel periodo scolastico è stato quello del 2002. Unico mondiale disputato in Asia, quel pallone seppur molto criticato ma dal design originale, i tanti campioni presenti, l'inconsueto inizio a fine maggio, l'acqua santa del Trap… Al mercato comprai anche la maglia di Donovan… Simpatizzavo gli USA che fecero un buon mondiale, senza dimenticare il Giappone di Nakata…

    Ammetto però di essere più affezionato agli Europei rispetto ai mondiali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli Usa: grande Friedel, portierone!

      Elimina
    2. Quello del 2002 rimane quello del pessimo arbitro Moreno, purtroppo..ma magari trovammo la rabbia per vincere poi 4 anni dopo.. @Riky Friedel non lo ricordo proprio

      Elimina
  6. Non amando il calcio (e non essendo granché tipo da sport) non ho ricordi di questo genere legati ai mondiali: al massimo, da bambino mi divertivo ad agitare la bandiera dell'Italia, ma avrebbe potuto essere pure quella dell'Islanda - semplicemente, mi divertivo a far sventolare le bandiere :P
    In generale, spero che vinca l'Italia, così che il paese riprenda coraggio nel mare di pasticci in cui si ritrova (quindi per puro opportunismo :P ).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io pensavo che, se si fossero svolti quest'anno gli Europei, l'Italia sarebbe andata molto avanti, perché quando ci sono avversità di solito la nazionale prende ancora più forza...ma il virus purtroppo è stato più forte di tutti

      Elimina
  7. Per motivi anagrafici l'estate dell'82 l'ho vissuta a un'età tale da ricordarla (e soprattutto viverla) bene, davvero magica.
    Quella del 2006, viste tutte le polemiche contro i bianconeri in nazionale (ricordo le t-shirt "Buffon non è il mio portiere" "Cannavaro non è il mio capitano" senza contare l'ineffabile coglione che proponeva di togliere Lippi dalla panchina e affrontare i mondiali con un altro CT...
    Il mondiale 2006 me lo ricorderò per sempre come l'evento che ha mostrato il lato oscuro degli imbecilli che precedentemente parevano solo folkloristici ma non dannosi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche nel 1982 ci furono polemiche simili, ricordo lo scandalo calcio scommesse, le polemiche per Paolo Rossi..poi alla fine si è visto com'è andata! :D

      Elimina
  8. Io nell'82 avevo sei anni, ma ricordo pochissimo.
    Zero totale sulle partite ( che rividi successivamente ), ma ho il ricordo di essere seduto dietro la bicicletta del mio amico e vicino di casa con una bandierina dell'italia, così come ricordo che avevo il pupazzetto della mascotte.

    Quello del 2006 lo ricordo benissimo ed i festeggiamenti della semifinale e della finale li metto tra i ricordi più lieti che ho.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io mi commuovo ancora quando rivedo i goal del 1982 o 2006 :D

      Elimina
  9. Son del 69 quindi avevo tredici anni nel 82 ricordo bene quel mondiale e Pertini che esultava dalla tribuna per la vittoria degli azzurri.
    Ero un ragazzino...invece i mondiali del 2006 quelli son stati in altra cosa.
    Partita vista a casa con gli amici e le rispettive mogli che sbuffavano e secondo me gufavano pure perché stavamo inchiodati davanti alla Tv.
    Poi alla fine tutti a festeggiare in piazza a Mirano.
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. AH nel 2006 in piazza a Mirano c'era anch'io, se non si è capito :D

      Elimina
  10. Io alla nazionale di calcio italiana porto sfiga: mai vista una partita in cui abbia vinto! Infatti le partite di Italia '90 mi è capitato di vederle a spezzoni, quando sentivo i vicini esultare per i gol di Schillaci, e vedevo il replay dell'azione... Poi la semifinale mi costrinsero a vederla in diretta... Altro episodio durante i mondiali in Corea/Giappone: ero in pullman e l'autista seguiva in radio la deplorevole partita arbitrata da Moreno...

    Pertanto, dato che come sport lo trovo soporifero oltre che ben poco nobile, preferisco nell'interesse mio, dei tifosi e della squadra non seguire questo sport.

    RispondiElimina
  11. Nell'estate dell'82 avevo meno di anni, quindi di quel Mondiale so tanto solo grazie ai racconti di mio padre. In più sono stato il suo antistress naturale, perché durante la tensione degli ultimi minuti, cominciai a piangere e lui fu ben lieto di prendermi in braccio e uscire nel cortile di casa, tenendosi così occupato per quegli ultimi minuti in cui non riusciva più a reggere la tensione (anche se il risultato era abbastanza tranquillo... ma lo capisco: 2 gol a volte si prendono in 3 minuti).
    Per quanto riguarda il 2006... vivevo a Roma, e non so perché, ma credo di aver fatto casino più sull'1-0 di Grosso alla Germania che al suo rigore in finale. Comunque... poi gran festa al Circo Massimo. Con le immancabili t-shirt azzurre delle Iene (indossate a tutte le partite). Indimenticabile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come detto, anch'io feci gran casino strombazzando già dopo le semifinali, dopotutto avevamo sconfitto gli odiati tedeschi! Alla finale baraonda generale! Non oso immaginare al Circo Massimo :D

      Elimina
  12. Eheh, chissà quanti figli sono stati concepiti nella notte del 1982 :)
    Comunque, io mi sono goduto solo quella del 2006, e pure alla grande.
    Ma dal 1990 li ricordo tutti, ne ricordo i festeggiamenti a ogni partita vinta, ma anche l'atmosfera...^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ora ci saranno i ragazzini figli del 2006 :D

      Elimina