domenica 11 ottobre 2020

Sins of Fairy Lands: Wrath - Daniele Lombardi

 

Quarto capitolo per la saga fantasy di Daniele Lombardi, le fiabe ispirate ai vizi capitali. Questo mese tocca all'ira!
Siamo sempre nella terra che fa da ambientazione a tutti questi racconti. Il regno di Tals è governato dalla famiglia dei Moor, che hanno la tremenda caratteristica di essere dei licantropi. Questo aspetto è accettato dai loro sudditi, visto che quando c'è la luna piena tutta la famiglia si autoisola per non fare vittime. Ma un giorno nefasto i Moor vengono sterminati quasi tutti da un infido attacco dei Mezzorchi, che poi si insediano nel regno. Anni dopo questo massacro, arriva a Tals Roy Flower, giovane ambasciatore di Zafaran e...non voglio spoilerare oltre. Posso solo dire che, anche in questo caso, il titolo è perfettamente azzeccato. Visto che l'ira, la rabbia, la vendetta sono presenti nella maggior parte delle pagine. E il sangue scorre veramente a fiumi. Notare anche come le varie fiabe vadano a costituire un grande intreccio, ad esempio Zafaran era il regno dove si svolgevano le corse con i cavalli alati nel precedente capitolo, Envy. Una nota anche per l'autore delle suggestive copertine, che sono di Giuseppe Lenzone.
E' possibile leggere liberamente la prima parte di Envy sul sito di Resh Stories (https://www.reshstories.com/wrath-sins-of-fairy-lands-daniele-lombardi/) poi per la seconda parte si può procedere con il "read. share. read again". Basta cioè creare un post o una stories su Instagram o su Facebook inerente a Wrath per ricevere da Resh Stories la seconda parte. Con l'occasione ricordo inoltre che è sempre valido il codice nerdisresh per acquistare le copie cartacee dei libri del sito con uno sconto del 10%.

Sins of Fairy Lands: Wrath - Daniele Lombardi
pagine 18
https://www.reshstories.com/

4 commenti:

  1. L'ira e la vendetta sono temi molti presenti nelle opere a fumetti..Curioso l'intreccio con la precedente storia. Adesso sono curioso di sapere la questione dell'ambasciatore :D vai di spoiler

    RispondiElimina
  2. Mi sa che sarà una di quelle cose che girerò segnalandole sul mio blog, citando la tua fonte.

    RispondiElimina