giovedì 19 aprile 2018

La notte dell'oliva - di Giulio Mosca

Al terzo appuntamento del Maledetti Fumetti Fest come noto ho fatto la conoscenza di Giulio Mosca, alias Il Baffo, di cui ho preso la sua prima graphic novel "La notte dell'oliva". A grande richiesta ecco una piccola recensione!

Ricordo che Il Baffo è un progetto abbastanza recente che ben presto è diventato seguitissimo nei vari social. Siamo nell'ordine dei centinaia di migliaia di follower!
In terza di copertina Giulio stesso si definisce più che fumettista un "comunicatore visivo", e in effetti anche questa sua opera prima è un lavoro molto grafico e con dei colori molto pop: se fossimo negli anni '80 oserei dire perfino un lavoro pop-art, sicuramente a Andy Warhol sarebbe piaciuto! La storia vede l'alter-ego "blu" dell'autore, per l'appunto il Baffo, che accetta l'invito di un amico di recarsi una sera in un misterioso locale. Qui intraprenderà un allucinato e delirante viaggio all'interno del suo stesso corpo in sei tappe: piedi, genitali, viscere, cuore, cervello e pupilla. Un viaggio che lo aiuterà a comprendere meglio sè stesso e il suo rapporto con gli altri. Alla fine è anche un grande invito alla creatività, che parte, come spiega Giulio alla fine, con la consapevolezza di sè stessi.

La notte dell'oliva - di Giulio Mosca
144 pagine - euro 16
ManFont

14 commenti:

  1. L'idea è assolutamente interessante!
    Una trama e un fine niente affatto scontati :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI, è sicuramente un'opera molto originale!

      Elimina
  2. Un bel fumetto d'impatto visivo forte, da tenere presente questo tipo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' apprezzabile che non abbia fatto solo una pura raccolta delle sue strisce

      Elimina
  3. L'originalità non manca affatto all'autore!

    RispondiElimina
  4. Devi smetterla di consigliarmi tutti questi fumetti fighi, il portafoglio piange! :-P Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu consigli film e io consiglio fumetti, a ognuno il suo :D

      Elimina
  5. Ottimo impatto, i colori spaccano!
    Grazie del consiglio.

    RispondiElimina
  6. Bei disegni ma soprattutto bei colori.
    Non mi fa impazzire il viaggio nel corpo umano, anche se è più metaforico da quel che ho capito, non ci sono i personaggi di Esplorando il Corpo Umano 😝 però gli darei una possibilità solo per la grafica.

    RispondiElimina
  7. Non mi dispiacciano i fumetti del Baffo, solo che ci sono molti artisti che propongono storie e personaggi del genere. Specialmente cinici e pessimisti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse ci vorrebbe un po' di ottimismo... ora sto leggendo quello nuovo di Zerocalcare e anche lui ci mette del suo :D

      Elimina