sabato 7 aprile 2018

Brescia: Giappone nel chiostro + un giro in città

Oggi giretto per Brescia dove abbiamo visitato la manifestazione Giappone nel chiostro, più ovviamente parte del centro storico. Ecco il consueto reportage, feauturing Tesla, uccelli dispettosi e robot!


Dopo aver lasciato l'auto nel parcheggio di Piazza Arnaldo, ci siamo subito imbattuti in una dimostrazione delle nostre future auto (...) la Tesla Model S e Tesla Model X!

Non tutti sanno che Brescia ha il cosiddetto "doppio Duomo", quello vecchio, risalente al XI secolo, e l'adiacente Duomo nuovo, risalente al XVII secolo.

Qualche foto degli interni del Duomo vecchio...

Ed eccoci al Museo Diocesano di Brescia, dove nel chiostro si sta tenendo (fino a domani) la manifestazione Giappone nel chiostro ovviamente dedicata alla cultura nipponica, con vari venditori, mostre, conferenze..

 Altre foto panoramiche del chiostro, notare il bellissimo ciliegio centrale ovviamente in fiore...

..e un paio di foto dei venditori!

Cosa c'entra Giacomo Puccini con il Giappone e con Brescia? Nel 1902 proprio a Brescia si tenne la prima dell'acclamata opera Madama Butterfly, che ovviamente è ambientata in Giappone. Nelle stanze intorno al chiostro c'è una mostra dedicata al grande compositore e alla sua opera nipponica!

Altra mostra con delle maschere usate nell'appassionantissimo (...) teatro No..

Qui invece abbiamo delle suggestive xilografie giapponesi.


Ho notato che il samurai in alto aveva i nostri stessi problemi di gestione dei gatti inferociti!

Un'esposizione con fotografie del Giappone moderno..

Non è il tesseract ma un'opera d'arte ricavata partendo dalla carta di riso

Fra gli artisti al lavoro presenti c'è l'amico Enrico Simonato con tutte le sue opere

Abbandonato il chiostro e il Giappone siamo saliti fino al Castello di Brescia. E' un'imponente fortezza che si trova abbarbiccata su un colle appena fuori del centro storico da cui proviene lo scontatissimo selfie di apertura post! 

 Un altro selfie tornando verso l'auto.. aprofittando di una vetrina a specchio di un negozio..

Monumento al matematico Niccolò Tartaglia

Come potete vedere, mettere degli uccelli finti come "spaventapasseri" non sempre funziona..

Infine tornando a casa ci siamo fermati al centro commerciale Elnos appena fuori Brescia dove fra l'altro c'era questo robot dimostrativo che rispondeva anche agli stimoli tattili..

.. e dove, da Primark, ho presto questi bellissimi calzini di Star Wars e questo tosto pigiama di Black Panther!

14 commenti:

  1. Avevo visto su Insta la foto del ciliegio nel chiostro: ottimo incontro di culture, quella giappo e quella medieval-rinascimentale italiana.
    Ok, anche se l'hai preso altrove, bel pigiama**

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già un bell'incontro, per tutti gli appassionati di Giappone e non solo..

      Elimina
  2. Stavo per dire: caspita, questa volta torni a casa a mani vuote :D..e invece.

    Le maschere del teatro sembrano uscite da un film dell'orrore o da qualche manga mal disegnato XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quelle maschere mi facevano troppo ridere.. :D Mi spiace se sono irrispettoso della loro cultura, ma immaginarsi un spettacolino di 2-3 ore con dei tizi con ste maschere addosso..

      Elimina
  3. Ottimo e interessante reportage.
    Serena domenica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, serena domenica anche a te!

      Elimina
  4. Ci sono stato oggi...ma sei delle zone?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No anzi, sono dalla provincia di Venezia!

      Elimina
  5. Giornata proficua vedo.;)
    Sono contento per te.

    RispondiElimina
  6. Gran bella gita! Adoro qualsiasi posto medievale, anche se l'analogia col Giappone proprio non la colgo.
    Comunque vero, sembra proprio l'ipercubo quello 😄
    Ogni volta che sento o leggo Madame Butterfly mi viene da ridere perché mi ricorda una vecchia battuta del commissario Winchester 😄

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La battuta non la ricordo ma posso immaginare :D Penso che il collegamento col Giappone presumo nasca dallo splendido ciliegio centrale, come si sa i nipponici sono fissati con i ciliegi, di più non so sulla genesi della manifestazione so che la fanno da 7-8 anni

      Elimina