giovedì 20 settembre 2018

Deadwood Dick 3: Fra il Texas e l'inferno - di Lansdale, Colombo e Frisenda

 Stasera si torna nel caro vecchio west con Deadwood Dick 3!


Chiuso il ciclo precedente costituito dai primi due numeri, si apre un nuovo ciclo di storie, ambientato appunto nello sporco e cattivo Texas. Tanto per mettere subito le cose in chiaro l'albo si apre subito con una scena di violenza e perfino un occhio strappato, tanto è vero che non ho postato come di consueto la prima pagina ma ho dovuto cercare una pagina "edulcorata". Quindi si conferma la vocazione di serie "per adulti", sia appunto per la violenza esplicita sia per il linguaggio che rimane sempre bello crudo. Si parla anche della condizione dei cinesi emigrati in America, che a un certo punto sostituirono gli ex-schiavi come ultima ruota del carro. Una cosa magari non dissimile da quella di certi migranti sfruttati anche qui da noi nel presente. Comunque i disegni passano da Mastantuono (che comunque firma la copertina) a Pasquale Frisenda e la sceneggiatura passa a Maurizio Colombo. Come sempre ottimi gli articoli di approfondimento che corredano il volume.

Deadwood Dick 3: Fra il Texas e l'inferno - di Lansdale, Colombo e Frisenda
pagine 68 - euro 3.50
Sergio Bonelli Editore

15 commenti:

  1. Risposte
    1. Ahah in effetti..comunque Deadwood e’ una citta’, e’ come dire Dick da Deadwood

      Elimina
    2. Fabrizio..
      Emanuele ti sta perculando perché è arrabbiato con te. E con me.
      Vai a rileggere il tuo commento sul suo ultimo post... E mi devi un caffè per la soffiata..

      Elimina
    3. Ecco, ha ragione comunque... avevo saltato completamente l’introduzione... rapito dalle foto

      Elimina
  2. I disegni di Pasquale Frisenda sono ben fatti ma mi sembrano usciti da una fanzine punk, che ci sta visto il nuovo marchio “Audace”, ma preferisco di gran lunga il tratto di Mastantuono. Ho iniziato (in ritardo) a leggere “Paradise Sky” il romanzo di Lansdale da cui è nato questo fumetto, ecco, diciamo che lì il marchio “Audace” sarebbe riduttivo, il fumetto è molto edulcorato rispetto alla storia di “Champion Joe”, in ogni caso sto continuando con molto piacere a leggere questo fumetto ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Frisenda ha un tratto ancora piu sporco e “cattivo” di Mastantuono..
      Certo si lega bene a queste storie.. anchio forse mi ero abituato con Mastantuono

      Elimina
  3. occhio strappato? Figo (ricordiamoci che certi spaghetti western erano più splatter di alcuni film horror)! La vignetta sulla fotografia è fantastica :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Conosco di fama Mannaja, con Maurizio Merli..ma anche in quelli di Sergio Leone non si scherzava

      Elimina
  4. Il tratto di Mastantuono mi piaceva di più, ma nel suo complesso questo terzo è stato il mio numero preferito!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me se la gioca col secondo, anche se ci sono dei bei momenti pure qua..comunque **SPOILER** alla visione delle prostitute cinesi e relativo commento di Dick ho cappottato :D

      Elimina
    2. Il secondo beneficiava della chiusura della prima storia :) Questo l'ho trovato davvero divertente!

      Elimina
  5. Finalmente mi è arrivato (oggi, per posta, preso su ebay) il n. 1 che non avevo trovato in edicola, così ora posso leggere tutti e tre i primi numeri, presi quasi a scatola chiusa dopo averti letto.

    RispondiElimina