lunedì 14 maggio 2018

Creepy Past 1: Nascosto nel buio - di Di Gregorio, Enna, Rigano

Stasera a grande richiesta parlerò velocemente di Creepy Past, la nuova serie appena lanciata dalla Bonelli!


Come si intuisce dal titolo l'ispirazione della serie deriva dai Creepypasta, i racconti horror nati e diffusi tramite internet. L'ambientazione è un istituto di ricerca sui disturbi del sonno, dal significativo nome di Fondazione Rem. Qui viene ricoverato uno dei giovani protagonisti, Qiro, che soffre di un fastidioso acufene che non lo fa dormire. Ben presto Qiro conoscerà Ester, una apparentemente bugiarda patologica, ma che forse ne sa più di tutti. Ovviamente non manca l'antagonista, il terrificante Slasher Man, ispirato chiaramente allo Slender Man (uno dei "mostri" dei Creepypasta). Questo primo numero l'ho letto con curiosità, sicuramente è un tentativo della Bonelli, dopo Dragonero Adventures, di conquistare le nuove generazioni, ma può piacere anche a noi "matusa" :) A me questo primo numero ha ricordato come atmosfere il capitolo tre della saga di Nightmare, I guerrieri del sonno, che all'epoca mi piacque molto! Ecco se vogliamo l'albo può essere un curioso e riuscitissimo mix fra Nightmare e Monster Allergy (come genere di disegni).
Concludiamo con gli autori, il soggetto e la sceneggiatura sono dei veterani Bruno Enna e Giovanni Di Gregorio, i disegni e la copertina di Giovanni Rigano e i colori di Alessandra Dottori.

Creepy Past 1: Nascosto del buio - di Di Gregorio, Enna, Rigano
pagine 66 - euro 3.50
Sergio Bonelli Editore

16 commenti:

  1. Fabri, ieri ho visto in edicola RatBoy e dopo la tua recensione volevo quasi comprarlo, ma le tette mi hanno dissuaso dal farlo (mi vergognavo, l'edicola era piena. Cioè c'erano due persone oltre a me e l'edicolante).

    Anche questa segnalazione è molto interessante, se poi citi come termine di paragone Nightmare III, che per me è nettamente il migliore della saga..beh che dire.

    Ma attenzione, Enna è Bruno Enna.

    Uno dei cinque sceneggiatori top Disney.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io RatBoy l'ho preso in fumetteria e c'era pure mia moglie...ho dovuto specificare che si trattava di un fumetto, ma è rimasta molto dubbiosa :D
      Mi sembra che tutti i creatori di Creepypast hanno lavorato in Disney, oltre che su DYD o Dampyr, e si vede direi :)

      Elimina
  2. Il soggetto è figo, i disegni urlano fortissimo "Monster Allergy" bisogna dirlo, però non sembra male ;-) Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono neanche sbagliati disegni di questo tipo (comunque suggestivi) per mitigare un po' la spaventosità del racconto :)

      Elimina
  3. Potrebbe interessarmi, sai? Amo il mondo onirico, spero che il fatto di rivolgersi a un pubblico più giovane non porti a trame scellerate e risvolti idioti...

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al momento non mi è parsa malvagia come idea, poi bisognerebbe prendere i prossimi numeri per farsi un'idea migliore..

      Elimina
  4. Buon pomeriggio!
    Così al primo impatto, sembra buono Con un'ottima stesura un'ottima impaginazione e la tua descrizione mi sembra abbastanza esaustiva da incoraggiare Chi volesse ad acquistarlo! I disegni sono veramente belli e la storia incuriosisce moltissimo il lettore! Speriamo bene Buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, mi ha molto incuriosito, forse prenderò anche il prossimo numero!

      Elimina
  5. Figata, lo prendo sicuramente! domani faccio un salto in edicola, penso proprio che lo troverò :D

    RispondiElimina
  6. l'ho visto in edicola ma temevo una bambinata. Può piacere anche a un vecchio come me?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se è piaciuto ad un Matusalemme come me :D

      Elimina
  7. Lo stile di disegno ricorda anche me Monster Allergy.
    Mi piaciucchiano le creepypasta ma a fumetto non mi attirano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece non mi attirano, so già che mi cagherei sotto solo a leggere certe cose, invece come fumetto almeno è un po' edulcorato..

      Elimina