domenica 12 novembre 2017

Dampyr 212 - El dìa de los muertos - di Claudio Falco e Fabiano Ambu

Continua il viaggio intorno al mondo del Dampyr con l'mbientazione del numero 212: il Messico de "El dìa de los muertos"!  Il Giorno dei Morti messicano è arrivata a noi come una festività pittoresca e carnevalesca, ma deriva addirittura dagli antichi Aztechi, all'epoca dei quali era molto più tenebrosa e sanguinaria (ne aprofittavano per eseguire sacrifici umani). Harlan Draka viene convocato in un Messico in festa dall'alleato Bobby Quintana perchè pare esserci il tipico caso di branco rimasto "orfano" di Maestro della Notte (in questo caso Ixtlan, sconfitto diverso tempo fa) e che continua però a fare danni.. Ma come purtroppo spesso accade è tutta una trappola, organizzata dal "supplente" di uno dei più tenaci avversari del Dampyr che si sta ancora leccando le ferite dopo il loro ultimo scontro (anche i cattivi hanno i supplenti!). I disegni di Ambu sono molto adatti alla storia e all'ambientazione "infernale" della parte finale dell'albo, con un mix fra vintage e onirico. La sceneggiatura è nuovamente di Claudio Falco dopo lo Speciale appena uscito in edicola. E' curioso notare che Il Giorno dei Morti ha ispirato anche la Pixar con il loro ultimo film d'animazione Coco, che uscirà fra un mese!

Dampyr 212 - El dìa de los muertos - di Claudio Falco e Fabiano Ambu
pagine 98 - euro 3.50  
Sergio Bonelli Editore

10 commenti:

  1. Sul giorno dei morti messicano ci ho visto uno o due horror b-movie... talmente belli che li ho rimossi del tutto! Ricordo solo il solito gruppo di ragazzi americani che varca il confine per andare a sballarsi e poi nient'altro.

    Il "supplente del cattivo" è stupendo! 😂

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Horror e Messico è un connubio che proviene anche da "dal tramondo all'alba" di Rodriguez (e Tarantino), quello non l'ho rimosso! :D Il "supplente" fa ridere ma è proprio così!

      Elimina
    2. Ho sentito parlare di questo fumetto dal Moz, devo dire che mi incuriosisce molto. Peccato che sia già al n.212 :D

      Elimina
    3. Eh il tempo vola :D mi sembra ieri che prendevo il numero 1 !!!

      Elimina
    4. Quello neanche io potrei mai dimenticarlo! Mi fa sbellicare ogni volta che lo rivedo:
      "come ti chiami?"
      "Sex Machine!"
      😄

      Elimina
    5. Io lo vidi per la prima volta SENZA sapere nulla della trama, quindi non ti dico quando sfocia in un horror come sono rimasto!

      Elimina
  2. Copertina stre-pi-to-sa ... e a leggerti, sembra, anche il contenuto. Riprenderò a leggere anche Dampyr dopo aver ripreso Dylan Dog? Non so se riesco ... il tempo è davvero tiranno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti capisco benissimo..il tempo, e lo spazio di tenere tutte le varie serie :D

      Elimina
  3. Ho recentemente comprato uno stock con i numeri dall'1 al 100 di Dampyr... se riesco a leggere quelli piano piano recupero anche i successivi :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In bocca al lupo, è un "lavoro" immane :D

      Elimina