mercoledì 7 febbraio 2018

Sprayliz 2: Street Art Fight - di Luca Enoch

Stasera si ritorna alle recensioncine dei fumetti con il secondo volume dedicato a Sprayliz, edito dall'editoriale Cosmo. Come di consueto vedrò le nove storie contenute, che sono più o meno tutte concatenate fra di loro!

Come di consueto le storie non hanno titoli ma sono solo numerate. Il capitolo VII vede Sprayliz indagare su dei nuovi grafittari street artist che sono presenti in città. L'amica Kate subisce un tentativo di violenza ma i maniaci subiscono una dura lezione.

Capitolo VIII: Sprayliz finalmente scopre cosa c'è dietro ai nuovi street artist, e Kate gioca un bello scherzo a Evelyn, la più popolare e snob ragazza della scuola!

Capitolo IX: Sprayliz conosce Kaifa, un altro street artist, che diventerà un altro suo spasimante. Notare il cameo di Charlie Brown e Snoopy nella prima vignetta!

Capitolo X: Lo scherzo di Kate a Evelyn alla fine gli si ritorce contro. Sprayliz si divide fra Kaifa e lo storico fidanzato Abe!

Capitolo XI: Sprayliz rischia l'arresto, per fortuna arrivano Kaifa e gli altri street artist in suo soccorso.

Fra l'altro in questo capitolo si vede il personaggio di Anne, la sorella di Kate, ispirata alla moglie di Luca Enoch! Notare il cameo dello stesso Enoch nella vignetta!

Capitolo XII: succede poco di interessante, Sprayliz fa un mega disegno aiutandosi con l'attrezzatura da free climbing, fuggendo poi da un rozzo "estimatore" dell'arte metropolitana.

Capitolo XIII: Anche qui poco di interessante, una festa molto alcolica, Kate incredibilmente ha un'esperienza con UN RAGAZZO.

Capitolo XIV: Il capitolo più drammatico, una storia di violenza domestica: Sprayliz e l'amica Kate aiutano una ragazzina a sfuggire al padre abusatore.

I capitoli precedenti erano tutti contenuti nell'Intrepido, l'ultimo era nel numero 0 della rivista edita dalla Star Comics. Sprayliz e compagnia danno una lezione ancora una volta ad una bigotta, la presidentessa di un comitato per la salvaguardia della morale!
Il tratto di Luca Enoch in queste storie migliora a vista d'occhio, nel terzo volume si annunciano già altri scontri con politici corrotti, poliziotti violenti e predicatori invasati!

14 commenti:

  1. Ogni tuo post su Sprayliz è un saltino indietro nel tempo, il titolo poi ricorda quasi un pezzo famoso dei Rolling Stones, non so quanto sia voluta la strizzata d’occhio ;-) Cheers

    RispondiElimina
  2. Disegni molto belli, ma soprattutto la copertina!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, le copertine sono sempre spettacolari!

      Elimina
    2. Pensate che quando tanti anni fa presi il primo numero, lo feci solo per i colori della copertina!

      Elimina
    3. Sarebbe bello che facessero una versione a colori, per vedere finalmente la street art di Sprayliz a colori appunto!

      Elimina
  3. Sprayliz è sempre bella.
    Solo, come hai detto tu, a colori sarebbe meglio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh ma presumo costerebbe troppo..vabè..

      Elimina
  4. Devo ancora recuperare qualcosa di questo fumetto, ma ogni volta che ne parli mi incuriosisci sempre di più!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' molto particolare e "underground"!

      Elimina
  5. Presi ma sto leggendo ancora il primo, magari a fine viaggio ne parlerò anche io.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ok siamo quasi sincronizzati allora! :)

      Elimina
  6. Mi dispiace non averlo letto all'epoca. Avrebbe avuto un sapore diverso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già..sono d'accordo..negli anni '90 non so perché non lo presi, a parte che c'è da dire che non lo trovavi facilmente nelle edicole

      Elimina