venerdì 5 ottobre 2018

La nerd-intervista: Coma Empirico

Come promesso reinizia una nuova serie di nerd-interviste con la prima di quelle fatte al TCBF. Stasera abbiamo l'autore di Tutta la notte del mondo, Coma Empirico alias Gabriele Villani!





Ciao Gabriele, come nasce questo progetto?

Nasce due anni fa sul web, la prima vignetta è dell'agosto 2016. E' stata molto istintiva come cosa, non è stata molto razionale. Ho creato questo personaggio e ho deciso di metterci un po' dei problemi che ho riscontrato nella mia vita da ragazzo che si affaccia al mondo del lavoro. Insomma, c'è un po' di tutto dentro, il disagio, l'insoddisfazione, le paure! Quindi poi fortunatamente ho avuto modo di incontare BeccoGiallo, la casa editrice, e dopo due anni è diventato un prodotto cartaceo, e sono contentissimo di questo!

E il nome Coma Empirico, come l'hai scelto?

Anche qui non è stato molto pensato, è venuto naturale.  E' un po' come se fosse il coma di quel modo di vedere la realtà, con i piedi per terra, e abbandonarsi più alla ricerca di altre cose aldilà del tangibile, agli stati d'animo che ho riscontrato in diverse esperienze. Sono vignette oneste comunque.

Il personaggio principale, come l'hai sviluppato?

Il personaggio è stato un po' una ricerca, ma chiaramente mi somiglia molto, c'è un po' di Corto Maltese..

E il gatto, la Luna..

Vabbè la notte un po' come riflessione, perché richiama un po' la solitudine. La Luna un po' la saggezza, è qualcosa che ti illumina comunque la strada per trovare una via. Il gatto perché mi da l'idea di un animale anarchico, senza regole, che può essere anche un punto di riferimento per chi invece si fa troppi problemi e sta lì a pensare, mentre il gatto è un po' spensierato. Quindi mi affido alla saggezza dei felini!

Farai altri volumi adesso? Ovviamente ora è ancora presto..

Si ora è ancora presto, però sì, ci sono altri progetti! Non so ancora bene, devo decidere cosa fare. Adesso mi sto vivendo questo periodo per sponsorizzare il libro, girerò un po' di fiere, quindi sarò poco a casa a lavorare. Però sì, ho in mente altri progetti!

La tua storia come disegnatore?

Io ho fatto il liceo artistico, però poi ho studiato cinema a Roma al DAMS. Sono tornato prima alla pittura, tornando nella mia città, Taranto, e poi mi sono trovato catapultato in questo mondo, dapprima tramite web e poi cartaceo.

Quindi vieni da Taranto? Hai fatto un bel viaggio!

Eh si, un bel viaggetto! E' la prima volta qui a Treviso, è una bella situazione!

E' anche la tua prima fiera?

Ho fatto il Taranto Comics l'anno scorso, e quest'anno il Lamezia Comics.

Come sono queste realtà?

Taranto Comics è diventato abbastanza grande. Si stanno ingrandendo queste fiere perché comunque hanno un buon riscontro di pubblico.

Spesso sento lamentarsi della mancanza di eventi fumettistici nel sud d'Italia..

Adesso si sta evolvendo la situazione. E' chiaro adesso c'è ancora molta dispersione, perché ci sono i cosplay, ecc. Non è come questa fiera qua!


11 commenti:

  1. Beilissima l'idea di costruire un personaggio personale che abbia anche un po'di un personaggio fumettistico.

    È un autore molto valido, purtroppo in Italia il fumetto made in Italy è qualcosa di poco popolare secondo me..a parte ecceziono come zerocalcare..ma mi sembra di capire che queato autore non abbia nulla da invidiargli per capacità di analizzare la situazione sociale dei giovani d'oggi e per la profondità di certe riflessioni.

    Bravo Fabri,bella intervista!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa i refusi ma sono con il cell ahahaha

      Elimina
    2. Tranquillo capita anche a me :) Coma Empirico è appena apparso, diamogli tempo..comunque promette molto bene!

      Elimina
  2. Non ho mai amato i fumetti, neanche da bambina, ma la l'attualità che vive in questi, ha risvegliato la mia curiosità. I disegni sono molto belli.
    Dove lo si trova?
    Grazie e buona giornata!
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo trovi nelle librerie o fumetterie.. buona giornata!

      Elimina
  3. Bella intervista, con te scopro sempre nuovi talenti!

    RispondiElimina
  4. Fighissimo, inizierò a seguirlo su FB, non lo conoscevo!
    Ogni volta che passo da te o salvo un sito nei preferiti, o aggiungo qualcosa nella lista di Amazon o inizio a seguire qualcuno sui social ahahahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' quello il mio scopo, comunque :D

      Elimina
  5. Complimenti per essere riuscito a intervistare Max Gazzé!
    Scherzi a parte, concordo sulla visione del gatto come animale anarchico (e infatti credo sia l'animale domestico che meno tollero, lo so, un colpo al cuore per te 😝).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero che è anarchico, il gatto capisce le cose come il cane, solo che sceglie deliberatamente di fare come cazzo vuole :D

      Elimina