lunedì 14 dicembre 2020

Linus dicembre 2020: Beatles

 

Dalla Regina ai Baronetti. Stasera parliamo del numero di Linus uscito qualche giorno fa, dedicato ai mitici Beatles. In regalo con la rivista anche il bellissimo calendario dei Peanuts.

Nel 2020 ricorre il cinquantesimo anniversario dello scioglimento di questo gruppo che ha fatto storia. Anche per commemorare questo storico anniversario, la rivista contiene articoli e illustrazioni dedicati agli storici Fab Four. Inizia il romanziere Jonathan Lethem con "il quinto Beatles". Poi Riccardo Bertoncelli ci parla di Mark Lewisohn, biografo ufficiale dei Beatles, autore di un colossale libro di 1700 pagine che contiene solo LA PRIMA PARTE della loro vita. Alberto Piccinini parla del rapporto dei quattro con l'"avanguardia" musicale, dalla mitologica (e inedita) Carnival of Light ai primi esperimenti di Lennon e Yoko Ono con Revolution 9. Carlo Mauro racconta delle raffigurazioni dei Beatles nelle illustrazioni e nei fumetti. Infine Giuseppe Sansonna discorre a proposito dei film dei Beatles, da A hard day's night fino a Let it be. Inoltre c'è la trascrizione di una discussione "a distanza" sul favoloso gruppo fra i cantautori italiani Pacifico e Francesco Gabbani.

E ci sono ovviamente gli omaggi e i contributi dei fumettisti e illustratori. Sergio Algozzino, autore anche della copertina della rivista, ha realizzato ben quattro "Crosroad Comics": uno sui "quinti" Beatles, poi un altro sui Beatles e l'ukulele, uno sul loro rapporto con la spiritualità e l'ultimo su alcuni fatti curiosi. Paolo Bacilieri immagina il suo Capitan Biscotto ricordarsi di quando assistette al concerto dei Beatles al Velodromo Vigorelli di Milano.

Massimo Giacon realizza la sua personale e fanciullesca versione dei Beatles, ribattezzati The Littles, in perenne scontro con un'altra banda di monelli! Anche il maestro Giorgio Carpinteri racconta della sua infanzia vissuta assieme ad una sorella fan sfegatata del gruppo. Completano il tutto le illustrazioni di Marianna Ignazzi e Sarah Mazzetti.

Ci sono ovviamente le consuete strisce: Peantus, Perle ai Porci, Calvin & Hobbes. In Inkspinster l'autrice Deco immagina che un certo (ex) Presidente degli USA si innamori perdutamente di lei! 

Si conclude "Come rubare un Magnus", di Davide Toffolo, che se non sbaglio dovrebbe essere stata anche raccolta in un volume unico. Veramente toccanti gli ultimi momenti di Magnus e del suo amico Bonvi. Il destino beffardo ha voluto far intrecciare le vite di questi due maestri.

Continua ancora Paulette, di Wolinski e Pichard. Paulette assieme alla "cacciatrice di fuggiaschi" Marie riesce a scappare anche dalla banda di malandrini.

Si conclude invece la nuova avventura di Tif e Tondu di Blutch e Robber. I nostri eroi riescono a cavarsela contro la moltitudine di malviventi, e finalmente riescono a rintracciare dove è nascosta la loro amica.

In chiusura della rivista le consuete pubblicità di Stefano Zattera, con uno spot dedicato ai Beatles!

13 commenti:

  1. Spero che arrivi presto il mio numero ... per posta 😁.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poi mi farai sapere..penso che lo divorerai :D

      Elimina
  2. tutto a dir poco sensazionale. A parte che adoro i Beatles e questo numero di Linus è molto particolare. Tra l'altro quest'anno, oltre al 50esimo anniversario dello scioglimento della band, ricadono anche i 40 anni dalla morte di Lennon

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E sì infatti, quest'anno ricorre un doppio funesto anniversario

      Elimina
  3. Sempre top questa scelta monografica.
    Lo prendo, questo.
    Alcuni purtroppo li ho saltati...

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo sicuramente merita, fra Beatles e calendario :)

      Elimina
  4. Uao! Bello il confronto tra Gabbani e Pacifico, due (sottovalutati) ottimi esponenti del nostro cantautorato attuale...Le blatte d'Albione, ahah, geniale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Soprattutto Pacifico, Gabbiani lo vedo un pò più commerciale, ma comunque ha alcuni tocchi geniali

      Elimina
    2. Gabbani è un po' meno ricercato e poetico, però ha un suo stile e sa cogliere il segno!

      Elimina
  5. E' l'ultimo numero che prendo. Non potevo certo saltare i Beatles (io compro QUALSIASI COSA abbia a che fare coi Beatles), ma dopo questo basta.
    E' vero che è finito uno dei più brutti fumetti che abbia mai letto in vita mia (senza offesa: è quello che penso, mi spiace), quello su Magnus di Toffolo, ma le cose che apprezzo maggiormente di questa rivista le ho già in volume: Peanuts, Calvin & Hobbes, sto comprando Paulette e spero che usciranno in volume Perle ai Porci. Sono arrivato a rimpiangere la vecchia gestione, forse un po' meno snob di questa. Opinione mia personale, ma opinione forte. Adieu linus!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me non è dispiaciuto quello di Toffolo, quello di Paulette lo sto trovando troppo "infinito" (sarà che un pezzo al mese non aiuta) e anche di quello di Tif e Tondu ho capito poco, ma forse vale il discorso per Paulette..se pubblichi un "graphic novel" a puntate corri sicuramente questo rischio..io per il momento continuo a prenderlo

      Elimina
  6. Un numero dedicato ai Beatles è una grossa tentazione... Da bimbo vedevo i loro cartoni animati, pensa un po'... E anche quelli dei Jackson Five.

    RispondiElimina