domenica 27 gennaio 2019

Lost Identity: L'inaugurazione della mostra

Ieri sera siamo stati all'inaugurazione a Castelfranco Veneto della mostra di Nicola Stradiotto, dedicata alle sue illustrazioni poi raccolte nel libro Lost Identity. Vediamo un piccolo reportage!


La mostra è in corso fino al 16 febbraio allo Spazio Zephiro, uno spazio dedicato a laboratori artistici, attività culturali, coworking.. I libri e le stampe di Nicola erano già pronti!

All'ingresso dello Spazio Zephiro uno schermo proiettava alcuni lavori di Nicola Stradiotto.

In esposizione anche illustrazioni inedite..

..e altre riprodotte con una tecnica particolare, quasi come si potessero vedere con gli occhialini 3D, come se fossero sfalsate della realtà (esperimento interessante)

Seconda sala dello Spazio Zephiro e altre illustrazioni in mostra. Alcune foto sono state scattate dalla mia dolce metà che era presente con me al "vernissage".

Si è tenuta anche un'interessantissa performance musicale ad opera di Diego Spinelli. Ha suonato una musica molto particolare e straniante, oserei dire genere "elettronico industriale". Comunque una colonna sonora centratissima per il tema delle illustrazioni di Nicola Stradiotto.

18 commenti:

  1. Risposte
    1. Grazie a voi dell’ospitalita! E ancora complimenti per la mostra

      Elimina
  2. Tutto molto bello: intrecciarsi delle arti che è sempre un piacere vedere/sentire/...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Veramente, la commistione delle arti è un vero piacere!

      Elimina
  3. Oddio, particolare come idea. Mi chiedo se dovessi "ritrarmi" con questo stile come darei forma alla mia identità perduta...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai capito perfettamente il senso delle opere :)

      Elimina
  4. Che bel reportage...sembra proprio una mostra interessante! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Federica :) Giriamo i complimenti anche a Nicola!

      Elimina
  5. Complimenti a Nicola anche da parte mia!
    Lost identity..
    volti infatti indistinguibili se non dall'"oggetto" che li rappresenta...
    La chiave...simbologia sempre molto interessante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E anche tutti gli altri oggetti, nascondono ciascuno una storia personale

      Elimina
  6. Grazie per i complimenti! Troppo gentili!

    RispondiElimina
  7. Ricordo l'artista, che sicuramente resta impresso per la sua originalità/marchio/stile, proprio perché ne ho letto qui 👍🏻
    Quelle sfalsate mi fanno strano, tra capogiro e occhi che si intrecciano 😝

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso che l'effetto straniante fosse voluto!

      Elimina
  8. I disegni in stile 3D hanno sortito l’effetto voluto, a detta dei presenti: “sfuocati” e destabilizzanti visivamente!
    Era solo un esperimento e a quanto pare è riuscito!

    RispondiElimina
  9. Qui trovate il video report della serata: https://youtu.be/-NQJpaOzJX8

    RispondiElimina