giovedì 2 aprile 2020

Topolino 3358: SugarDuck

Il Topolino della settimana ha in copertina di nuovo una star della musica italiana. Questa volta l'onore tocca a Zucchero, nella sua incarnazione disneyana SugarDuck!



Gli articoli: un interessante reportage con le meraviglie dell'Australia, con l'occasione della prima storia con protagonista Topolino di cui parleremo fra poco. Poi ovviamente un'intervista a Zucchero, in occasione del nuovo album D.O.C.. E ci sono anche tre storie brevi con il suo alter-ego SugarDuck ad opera di Francesca Agrati e Alessandro Perina, che ha anche realizzato la copertina. Infine per lo sport un articolo con le attività sportive che vanno per la maggiore in Australia, come rugby, cricket, eccetera.

Topolino e il richiamo dell'Outback - Sceneggiatura e disegni di Giuseppe Zironi
Ritornano dopo un po' di settimane i viaggi di Topolino. Lo ritroviamo nell'Outback, l'inospitale deserto australiano. Il topo fa amicizia con un dingo, il canide australiano, che poi si scopre essere stato rapito da una famiglia di malfattori. Topolino aiuterà la "famiglia" di Gordon ha ritrovare il dingo. Quindi anche in Australia Topolino deve risolvere un giallo. Molto bello l'insegnamento finale sulle creature australiane, che può valere per le creature di tutto il mondo.

Newton Pitagorico e la pistola aspira arcobaleno - Sceneggiatura di Marco Nucci, disegni di Stefano Intini
Nuova avventura anche per il nipotino di Archimede. Questa volta la premessa arriva dalla scuola che ha deciso di destinare un'enorme parete ad un murales dell'artista Basquack. Solo che la parete è prima da imbiancare, ma Newton escogita una delle sue solite invenzioni che dovrebbe servire ad "aspirare" i colori. Al solito verrà fuori un divertente e colorato macello. Come la volta precedente, la vignetta finale regala l'ultimo colpo di scena, di quelli che ti fanno esclamare "NOOO!"

Area 15: Buona fortuna Qua - Sceneggiatura di Roberto Gagnor, disegni di Claudio Sciarrone
Passiamo al capolavoro della settimana, che per metà è pure privo di dialoghi. Qua si reca da suo zio Paperino che è al "lavoro", cioè in cima al deposito di Paperone, mentre i soliti individui tentano l'assalto. E il paperotto rivela allo zio i suoi sentimenti per l'amica Vanessa, di cui fra l'altro è innamorato anche Qui. Paperino impartirà a Qua degli importanti insegnamenti. Veramente una storia quasi commovente che vede anche un grande Sciarrone realizzare alla perfezione tutte le espressioni paperesche richieste.

Zio Paperone e la regola sregolata - Sceneggiatura di Marco Bosco, disegni di Maurizio Amendola
Paperone insegna a Paperoga e Filo, che hanno un chiosco di gelati, un principio, quello enunciato dall'economista Pareto, che prevede che il 20% delle cause genere l'80% degli effetti. Solo che i due interpreteranno male questa regola. E' sempre bello vedere che su Topolino continuano a realizzare queste storie didattiche, in cui vengono inserite delle nozioni riuscendo anche a divertire.


Paperino e Paperoga in una notte al deposito - Sceneggiatura di Giorgio Fontana e Giulio D'Antona - Disegni di Federico Franzò e Emanuele Virzì
Il Topolino di questa settimana si conclude con un'altra storia abbastanza geniale. Paperino e Paperoga vengono chiamati a sorvegliare il deposito di notte, causa mancanza di Paperone e Battista. Solo che nessuno dei due sa che è presente nel deposito l'altro, causando una montagna di equivoci e fraintendimenti! La vicenda è raccontata prima dal punto di vista di Paperino e poi da quello di Paperoga.

12 commenti:

  1. Sì, inutile ormai negarlo: il meglio ultimamente viene proprio dai tre gemelli... e da Pk!^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo, Area 15 si sta rivelando una vera sorpresa!

      Elimina
  2. Risposte
    1. Perina è esperto nel "paperizzare" i cantanti :D

      Elimina
  3. Mi attira giusto la prima.
    Però sembra molto divertente anche l'ultima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti dirò che anche quella di Area 15 è molto bella, ma magari non ti attira

      Elimina
    2. Infatti, ha lo stile troppo modernizzato (sia per disegni che per storia), per i miei gusti 😉
      Però adoro le storie prive (o quasi) di dualoghi.

      Elimina
    3. Per metà non ha dialoghi e si capisce tutto benissimo lo stesso! A me lo stile di Sciarrone non mi dispiace

      Elimina
    4. A me Sciarrone piace un sacco. Mi tocca assolutamente recuperare questo numero, sia per la storia che hai elogiato, sia per quella di Zironi.
      Peraltro Topolino si legge benino sul telefono cellulare, ho scoperto per caso :D

      Elimina
    5. Qualcuno mi ha detto che dall'App col cellulare non è il massimo, forse dipende anche da che cellulare hai :)

      Elimina
    6. Comunque in questi giorni rileggevo i Topolino di un anno fa e devo dire che il livello era sceso veramente in basso...

      Elimina
    7. Dici che ora si sono ripresi?

      Elimina