venerdì 8 maggio 2020

Il (nuovo) Manuale delle Giovani Marmotte del 2020

Restiamo nel mondo Disney e vediamo finalmente com'è questo nuovo Manuale delle Giovani Marmotte. Ricordo che il primo volume si trovava allegato con il Topolino di settimana scorsa (forse riuscite ancora a trovarlo in edicola) mentre i successivi usciranno indipendenti dalla rivista per un totale di 4 numeri.



Sarebbe stato più corretto comunque chiamarlo solo "Giovani Marmotte" come lo storico magazine o anche "Le migliori storie delle GM", visto che del vecchio Manuale non ha nulla. Il volume è costituito in fatti in gran parte da pagine a fumetti, con solo degli interessanti articoli nel mezzo. Uno sugli animali che si risvegliano dal letargo, un altro sulle escursioni, un altro sul trekking e infine uno con i trucchi per fotografare la natura. Ma vediamo velocemente le trame delle otto storie: quattro erano già state pubblicate, quattro sono inedite, almeno per l'Italia!

La nuova arca - Sceneggiatura di Francois Corteggiani, matite di Giorgio Cavazzano, inchiostri di Sandro Zemolin (1996)
Iniziamo subito col "botto" con il duo creativo Corteggiani-Cavazzano. Le GM si ritrovano coinvolte in un esperimento alla "Truman Show" da parte di uno scienziato: una gigantesca serra che dovrebbe servire per preservare la natura. Fra i crediti viene giustamente citato Zemolin, lo storico inchiostratore di Cavazzano

La casa da tè del drago scodinzolante - Sceneggiatura di Carl Barks (rielaborata) disegni di di Daan Jippes (2008) 
Tipica trama alla Barks per quest'avventura delle GM con Paperone. Barks scrisse una serie di sceneggiature negli anni '70 che vennero disegnate da Kay Wright. Negli anni 2000 Daan Jippes rimise mano a quelle trame partendo dagli storyboard originali. Comunque Paperone si fa accompagnare dalle GM fino alla casa del tè del titolo. Divertente il passaggio delle varie "valute" degli immaginari paesi orientali.

L'espediente del sentiero galleggiante - Sceneggiatura di Augusto Macchetto, disegni di Andrea Lucci (2013)
A seguito di un allagamento di un bosco, le GM troveranno un ingegnoso sistema per mettere in salvo la piccola fauna selvatica.

Una lezione di fiducia - Sceneggiatura di Nino Russo, matite di Andrea Freccero, inchiostri di Marco Mazzarello (1995)
Fra le GM oltre ai bravi nipotini c'è anche Alvin, un ragazzino terribilmente insicuro. Dopo aver visto film simile allo storico Harvey con James Stewart, inizierà a vedere un coniglio immaginario che lo spronerà a credere in se stesso.

Tigre di carta - Sceneggiatura di Janet Gilbert - disegni di Mara Josè Sanchez Nunez
Le GM partono al salvataggio di un attore che interpreta un supereroe in una serie tv. La star si rivelerà molto meno coraggiosa del personaggio interpretato.

Dove non osano i delfini - Sceneggiatura e disegni di Kari Korhonen
Paperone si fa aiutare dalle GM e dai loro amici animali per il recupero di un tesoro che si trova nelle profondità marine.

Gli osservatori osservati - Sceneggiatura di Stefan Petrucha - disegni di Josè Colomber Fonts
I giovani esploratori devono risolvere il mistero di uno strano uccello "osservante" e " imitatore" che non risulta nella fauna della zona dove si trovano.

L'albero misterioso - Sceneggiatura di Per Hedman, disegni di Tino Santanach Hernandez
Le GM devono salvare l'albero più largo del paese dalle mire di due malintenzionati che credono che all'interno vi si nasconda un tesoro

15 commenti:

  1. Hai ragione, assurda scelta quella del nome perché in tanti credono sia il Manuale e non una cosa simile alla vecchia rivista degli anni '90.
    Comunque io direi: un fumetto in meno e più redazionali!^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo pensava anche mia moglie..infatti mi ha imposto di prenderlo :D

      Elimina
    2. Eheh trae in inganno :)

      Moz-

      Elimina
  2. Il coniglio Harwey..Donnie Darko! Ricordo bene Alvin in quei fumetti del Magazine 1995...lui e Lardello :D.
    Mazzarello disegnava meglio agli esordi..non mi piacciono i suoi paperi che adesso hanno l'espressione "imbalsamata" quando sorridono.
    La Nuova Arca deve essere una storia bellissima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In Donnie Darko c'era la versione malefica di Harvey :D Pensa se adesso potrebbero chiamare un ragazzino sovrappeso Lardello!

      Elimina
  3. In effetti sembra più la vecchia raccolta di storie GM (non ricordo se però c'erano anche le rubriche) che un manuale...
    Forse ho letto le due più vecchie, più quella del '95 che quella del '96, anno in cui ho abbandonato il settimanale per mancanza di soldi e per dedicarmi pienamente a Superman e Dylan Dog (poco dopo i manga).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io avevo già abbandonato, quindi almeno le storie per me erano tutte inedite!

      Elimina
  4. La Disney ormai ha ceduto al lato oscuro del capitalismo, i "manuali" per noi sono sempre stati quelli con curiosità, aneddoti, trucchi e nozioni varie, non una raccolta di storie a fumetti... La definirei pubblicità ingannevole...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Negli articoli c'è qualche consiglio, ma eravamo abituati sicuramente molto meglio!

      Elimina
  5. Che poi a me piacciono i nipotini...comunque di marketing ne sanno la Disney...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, mi sa che l'hanno preso tanti tipo me che erano nostalgici del vecchio Manuale.. :D

      Elimina
  6. Finalmente mi hai chiarito il tutto, non capivo se era un nuovo manuale da rilegare, o un nuovo giornalino. Visto che preferisco le avventure con Topolino (la mia svolta da adulto), passo.

    RispondiElimina
  7. Ma i redazionali con i nodi e tutti i trucchetti in ambito scout ci sono ancora?
    Io ricordo quello storico che era una fucina di informazioni, più che di fumetti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me piacevano, ma qui quasi nulla purtroppo

      Elimina