mercoledì 6 maggio 2020

Pacchetto di cicche - Giacomo Taddeo Traini

Stasera torniamo ai fumetti con un'autoproduzione proveniente molto vicina a me: Il pacchetto di cicche di Giacomo Taddeo Traini!



L'ho descritta come vicina a me perché Giacomo è da anni residente a Padova, anche se di questi tempi ci siamo comunque affidati alla posta. Il "pacchetto di cicche" è una raccolta di albetti ciascuno contenente una storia breve. Alcune di queste storie erano già state pubblicate nei profili social dell'autore. I "raccoglitori" sono disponibili in diversi colori e sono stati rilegati tutti a mano. 
Sono vicende paradossali, riflessive, direi quasi intimistiche. Il tratto è volutamente grezzo, quasi fossero parte del taccuino dell'artista, ma non per questo il risultato è meno efficace, anzi. Vediamo velocemente le cinque "cicche"!

In Oggi è morto uno stronzo si immagina cosa succederebbe se, alla morte di uno "stronzo" appunto, per una volta tutti dicessero la verità invece di abbandonarsi a facili ipocrisie.

Come si sente un uomo che dovesse risvegliarsi nei panni della Morte? Questa la premessa di Nulla è certo!

La più sperimentale forse è Conversazione con una scimmia, costituita in pratica da un unico foglio A4 in cui l'autore dialoga con un...primate sui rimpianti della sua vita.

In Ci scusiamo per il disagio un uomo attende il treno in stazione, e riflettendo sul suo non essere libero, decide di esserlo almeno una volta...

Infine Immersione vede l'autore al mare con la nipote riflettere sugli anni che passano inesorabili.
Per avere il Pacchetto di cicche potete contattare l'autore nei profili social, ad esempio su Instagram: https://www.instagram.com/giatra_comics/

Pacchetto di cicche - Giacomo Taddeo Traini
pagine varie - euro 5
Autoproduzione

14 commenti:

  1. Molto interessante, direi che sono anche delle chicche.
    Bel lavoro, complimenti!

    RispondiElimina
  2. E' morto uno stronzo lo vorrei assolutamente leggere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quella non so perché ma piacerebbe a Ema :D

      Elimina
  3. Il tratto sarà pure volutamente grezzo ma è suggestivo. Anche gli spunti sono molto originali.

    RispondiElimina
  4. Sempre interessanti le tue segnalazioni\recensioni, sei uno dei pochi che sostiene ancora le piccole produzioni.
    Mi sta venendo una idea, se va ai tuoi contatti e a te ogni tanto potrei concedere uno spazio dentro a "Accade in Italia" per la segnalazione di queste autoproduzioni o comunque piccole produzioni. Se ti va, magari potresti fare una sorta di guest post, un "Accade in Italia Speciale" una tantum nel quale segnali alcune di queste uscite. Ma non ti voglio obbligare, pensaci un poco su e se vorrai contattami sul blog o via mail.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbe molto molto interessante, non tanto per me ma per tutte queste autoproduzioni, specie sto periodo senza fiere o altri aventi.. ti contatto magari in mail!

      Elimina
    2. Nick, con Fabrizio fai tombola per quanto riguarda le autoproduzioni! Per me è il top, come dicono quelli che seguono le mode (io odio 'sti termini anglofoni) e te lo dico io che sono un po' stufo (non per i singoli autori ma perché stanno diventando TROPPI). Se vuoi ingaggiarlo scrivi a me, sono il suo agente con compenso del 30%, da adesso! Ovviamente scherzo 😅

      Rispondo a commenti di 2 settimane fa... vi sarete già messi d'accordo 😄

      Elimina
    3. Infatti Ema, ci siamo già messi d'accordo :D

      Elimina
  5. Ma che intende per "cicche"? So che al nord ci chiamate le gomme da masticare ma non mi sembrano pacchetti di gomme... e pensa che da noi sono i mozziconi di sigaretta e "ciccare" è la cenere che cade 😅

    Non mi è mai capitato che tutti dicessero quello che pensano alla morte di uno stronzo ma io sono sempre stato sincero e senza peli sulla lingua, non è che se uno muore diventa santo.
    Alla morte di mia nonna ho fatto presente che non è che fosse tutto 'sto gran pezzo di pane, mentre i cugini col cazzo che hanno avuto le palle. Alla morte di mio nonno, la notte della vigilia di Natale, ho detto a mio padre, il giorno dopo a pranzo "oh, ha rotto i coglioni tutta la vita, doveva rompere pure morendo proprio stanotte".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le cicche sono anche le sigarette da noi..ha un duplice significato, penso che l'autore propende per questo! Ti distingui anche quando muore un parente vedo :D E' vero, c'è sempre molta ipocrisia quando muore qualcuno, Zerocalcare ci aveva fatto anche una storia tempo fa https://www.zerocalcare.it/2013/09/23/quando-muore-uno-famoso/

      Elimina
    2. Ah ecco, qualcuno che parla normale, c'è anche nelle regioni al nord 😝
      Sono una persona piuttosto comune ma sul cinismo ho pochi rivali 😎😆
      Non ho letto tutto il fumetto ma Zerocalcare ha centrato il punto, almeno dal lato social, quello più falso di tutti!

      Elimina
    3. Augurandogli che viva altri 100 anni, sono proprio curioso di leggere cosa scriveranno di Berlusconi, ad esempio :)

      Elimina