giovedì 19 luglio 2018

Topolino 2998 (2013)

Stasera torniamo a parlare di Topolino con un vecchio ma non troppo numero che ho letto in questi giorni, più precisamente il 2998 del 14 maggio 2013!



Apre il numero un'interessantissima storia disegnata da Casty e scritta dallo stesso Casty con Enrico Faccini. Si parla di eterna giovinezza, con un dottore che ha inventato un sistema per "travasare" gli anni da una persona ad un altra. Ci sono ovviamente dei lestofanti, capeggiati dal solito Gambadilegno, che vogliono aprofittare in maniera illecita dell'invenzione, in particolare "rubando" gli anni ai barboni e senzatetto, un azione quasi da fumetto horror. Si scopre anche l'esistenza di un quartiere malfamato di Topolinia, dal nome di Ooka Palooka, di cui ignoravo perfino l'esistenza, in cui la banda trova gli anni da "rubare". Interviene ovviamente Topolino, questa volta aiutato da Eta Beta e Flip. A memoria è la prima volta anche che si vede Eta Beta provare interesse per le donne..

..e oltretutto per due gemelle!! Molto interessanti gli approfondimenti sul fumetto con anche un'intervista doppia agli autori.

Paperino e l'affido inaffidabile: al povero Paperino viene lasciato in custodia un enorme San Bernardo da un'amica di Paperina, e in più subisce l'aiuto come al solito maldestro di Paperoga. La storia è di Marco Bosco e i disegni sono di Donald Soffritti.

 La meta golosa faceva parte di una serie in cui Zio Paperone e compagnia dovevano riuscire a conquistare almeno un trofeo in uno sport. Quella settimana toccava al Rugby e a Ciccio, che non se la cava neppure male, dopo che l'allenatore lo convince a trattare la palla come un panino che vogliono fregargli.. Testo di Carlo Panaro e disegni di Ettore Gula.

Le leggi di Paperino viaggiatore: A piedi sono una sorta di leggi di Murphy applicate appunto al viaggiare a piedi, con protagonista ovviamente Paperino. La storia era di Gabriele Panini e i disegni sempre di Nico Picone.

Qui Quo Qua e il problema della serietà e un'altra interessante storia, scritta dall'americano Michael T. Gilbert con i disegni dello spagnolo Antoni Bancells Pujadas. Qualcosa a Paperopoli sta trasformando tutti gli adulti in persone serissime, responsabili e noiose. Questa volta tocca a Qui Quo e Qua indagare, visto che i bambini ne sembrano immuni. Bella l'idea di rappresentare la "serietà" con l'assenza di colore, infatti gli adulti contagiati diventano in bianco e nero, tipo il film "Pleasantville" ma al contrario.

Topolino 2998 - autori vari
pagine 162 - euro 2.40 (consigliato 0.5-1)
Disney

12 commenti:

  1. Topolino e il dottor Tick Tock è proprio una bella storia, poi alla fine c'è una "scazzottata" bellissima in puro stile disney :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si è vero, in effetti nell'intenzione degli autori voleva apparire come una cara e vecchia storia degli anni d'oro :)

      Elimina
  2. Ho pochi ricordi di questo numero..tranne che per la bellissima storia di Casty. Quando torno a casa lo rileggo bene. La storia dei trofei non mi convinse molto all'epoca!

    RispondiElimina
  3. Sono sicuro che Eta Beta abbia avuto interesse per donne in storie passate, seguendole e sprizzando cuoricini, questa scena mi sembra in effetti una citazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ecco non lo ricordavo :) Mi sembrava troppo "alieno" per comportarsi così..

      Elimina
  4. Beh, la prima storia è sicuramente interessante...!
    Non sapevo nemmeno io di questo quartiere malfamato, chissà se lo si è visto in Topomistery!

    Paperino a piedi sembra divertente^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me sono idee di Casty, cercando su Google è venuto fuori che è l'unica storia dove viene citato..

      Elimina
  5. Oddio, Pluto Beta (Flip) lo avevo completamente rimosso... avrei voluto restasse così! Comunque nonostante non mi piaccia il tizio dal futuro, questa storia sembra molto interessante e matura!
    Per la seconda, personaggi Disney che fanno di dog sitter sa di già visto cane + Paperoga deve essere una catastrofe assicurata.
    Mi piacerebbe leggere anche la penultima, sa di storia breve, come piacciono a me!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì è breve, sono le "leggi di Murphy" che capitano quando uno decide di andare a piedi, vissute in prima persona da Paperino

      Elimina
  6. Eta Beta proprio non sopporto certe volte..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui è anche più simpatico del solito..

      Elimina